Coronavirus, il bollettino di oggi 19 marzo: 25.735 nuovi casi e 386 morti

L’Italia fronteggia la terza ondata di Coronavirus tra varianti ed il piano vaccinale: il bollettino del 19 marzo nel dettaglio.

bollettino coronavirus
La situazione coronavirus in Italia (via Screenshot)

Continua l’emergenza Coronavirus in Italia con il paese che si trova ad affrontare la terza ondata di contagi. Una situazione del tutto critica, con il paese che entrerà completamente in zona rossa durante le festività di Pasqua. Infatti il Governo ha deciso di imporre la zona massima di restrizioni per evitare un’altra impennata della curva di contagi. Inoltre da oggi sarà ripresa la somministrazione del vaccino di AstraZeneca, dopo il verdetto finale dell’Ema. Infatti la sospensione del siero ha creato un nuovo e pesante stop alla campagna vaccinale.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Campania, De Luca in diretta: “Situazione delicata, indice Rt a 1.65”

Negli ultimi due giorni si è proseguito con poco più di 100mila somministrazioni al giorno, un vero e proprio danno per l’immunizzazione di massa. Nonostante ciò nella giornata di ieri, il premier Mario Draghi, non solo ha comunicato la ripresa del siero AZ, ma ha anche comunicato che farà di tutto pur vaccinare il maggior numero di persone. L’obiettivo resta arrivare a vaccinare l’80% della popolazione entro l’estate. Andiamo quindi a veder tutti i dati riguardanti al bollettin odierno.

Coronavirus, il bollettino odierno: la situazione in Italia

Coronavirus Bollettino
Tutti i dati regionali del bollettino odierno (via Screenshot)

Coronavirus, bollettino di oggi:

• 25.735 contagiati;
386 morti;
• 16.292 guariti;

POTREBBE INTERESSARTI  >>> Carcere di Secondigliano, drone con cellulari atterra nel cortile: il motivo

Le strutture ospedaliere, nelle ultime 24 ore, hanno analizzato 364.822 tamponi. Il tasso di positività resta al 7,1% (+0,0%). Le dosi di vaccino somministrate, in totale, ammontano a 7.428.407. Crescono le ospedalizzazioni: +31 per le terapie intensive e +164 per i ricoveri ordinari.