Vaccino, un sito calcola quando sarà il nostro turno: come funziona

Vaccino, una matematica polacca ha sviluppato un calcolo il cui risultato in linea di massima svela quando otterremo la dose

Vaccino
Getty Images

A quasi un anno dal giorno in cui il Covid-19 è stato dichiarato pandemia dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, la questione ricorrente non solo in Italia sono i vaccini e soprattutto il ritardo delle somministrazioni. Alcune categorie di persone – per professione o età – hanno già avuto almeno la prima dose e in alcuni casi entrambe.

Ma i ritardi sono palesi e alcune aziende da settimane dichiarano che forniranno meno dosi di quante promesse. Insomma, l’arma principale per sconfiggere il Covid la stiamo usando molto lentamente e la domanda ricorrente dal primo vaccino al mondo (a Londra esattamente tre mesi fa) è sempre la stessa: “quando sarà il mio turno?“.

Ha provato a rispondere una dottoranda in matematica dell’Università di Cracovia, in Polonia, Anna Szczepanek, che ha messo a punto un metodo di calcolo che considerando l’attuale piano di vaccinazioni del Ministero della Salute, può rivelare quand’è il proprio turno.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, il bollettino del 7 marzo: 20.765 i contagiati

Vaccino, come si calcola il proprio turno

Vaccino
Margaret Keenan, la prima donna vaccinata in Inghilterra (Getty Images)

Si dovranno inserire i propri dati: età, stato (ad esempio se si è incinta), condizione fisica (se si soffre di patologie respiratorie, cardiache, se si è disabile, ecc…), e qual è la categoria di appartenenza come lavoratore delle Rsa, personale scolastico, pubblico impiego o agenti delle forze dell’ordine.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Castellammare in zona rossa rafforzata: polemiche per il sindaco al bar

Il risultato che emergerà dirà quante persone sono virtualmente in fila davanti a noi. Il calcolo ovviamente è in linea di massima perché tiene conto dell’andamento attuale della campagna di vaccinazione e della copertura delle dosi a disposizione. Con eventuali rallentamenti o accelerazioni il periodo indicato per la propria somministrazione è quindi fortemente soggetto a modifiche.