Ue, si pensa ad un “passaporto Covid”: in arrivo la proposta legislativa

L’Ue pensa ad un passaporto Covid per un graduale ritorno agli spostamenti in Europa: si studia un Digital Green Pass nel rispetto di privacy e sicurezza.

Ue passaporto Covid
La presidente della commissione europea, Ursula Von der Leyen (Getty Images)

La situazione Covid in Ue è tornata a peggiorare lentamente, nonostante ciò Ursula Von der Leyen prova a guardare al futuro e studia l’introduzione di un passaporto Covid. Il documento dovrà contenere tutte le informazioni necessartie per il controllo degli spostamenti. Ovviamente si cercherà di introdurre un documento che rispetti privacy e sicurezza. La proposta verrà presentata questo mese, con un Digital Green Pass.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Covid, Speranza preoccupato: “La curva risale, prossime settimane difficili”

A presentare il tutto ci ha pensato la presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen. Infatti sui suoi canali social, la von Der Leyen ha spiegato che bisogna sapere che chi viaggia è vaccinato. Così facendo si potrà ottenere maggior tracciamento del virus anche in futuro. Ma non solo, il passaporto potrebbe fornire anche i risultati dei test per coloro che ancora non sono stati vaccinati; dare informazioni sulla guarigione dalla Covid-19. Andiamo quindi a vedere come è ideato il documento dall’Ue.

Ue, si studia il passaporto Covid: i parametri da rispettare

Ovviamente l’Unione Europea dovrà rispettare dei parametri per imporre il nuovo documento. Infatti come annuncia Ursula von Der Leyen sul proprio profilo Twitter, il passaporto Covid rispetterà la protezione dei dati, la sicurezza e la privacy. Inoltre il Digital Green Pass dovrebbe facilitare le vite degli europei, pronti a tornare a viaggiare. Infatti lo scopo è proprio quello, permettere un graduale ritorno agli spostamenti in sicurezza all’interno dell’Ue per lavoro o per turismo.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Covid Napoli, De Magistris ai cittadini: “Vi chiedo un ultimo sforzo”

Il provvedimento è richiesto da tempo non solo da vari esponenti politici, ma anche dai cittadini stessi, pronti a tornare a viaggiare. Nei giorni scorsi, però, proprio le parole della Presidente delle Commissione Europea avevano descritto un quadro apocalittico. Infatti per la von der Leyen l’Europa, ed il mondo intero, si deve preparare all’era delle pandemie, visto che dopo il Covid potrebbero sorgere nuovi virus. Così per questo mese è prevista la discussione per il passaporto Covid, forse il primo passo verso il ritorno ad una sorta di normalità.