Vaccino BioNTech, il grande annuncio: “Produrremo 2 miliardi di dosi”

Vaccino BioNTech, l’azienda tedesca alza il numero di dosi. Da oggi in Italia anche il vaccino della Moderna

vaccino
Getty Images

L’azienda tedesca BioNTech che con l’americana Pfizer ha prodotto il vaccino che ora si sta somministrando in Italia, ha annunciato che per nell’anno da poco iniziato produrrà due miliardi di dosi, un numero davvero notevole.

Si potrà raggiungere tale produzione dopo la decisione dell’Ema, l’Agenzia Europea del Farmaco, di autorizzare per la somministrazione di sei dosi per flaconcino anziché cinque. Se fosse rimasto cinque la produzione sarebbe stata di 1,3 miliardi di dosi, una differenza quindi non di poco conto.

Sono arrivate oggi in Italia 47mila dosi del vaccino di Moderna. Era poco dopo le 2 della scorsa notte quando il furgone proveniente dal Belgio è arrivato al Brennero. Un numero esiguo di dosi e la consegna, a differenza della Pfizer, sarà ogni due settimane. Per ognuna di essa però il numero sarà sempre maggiore e secondo il programma il 22 febbraio si arriverà a quasi mezzo milione di dosi, 488mila.

Giunto a Roma presso l’Istituto Superiore di Sanità, le dosi dovrebbero essere distribuite solo in tre massimo quattro regioni, le più virtuose al momento nella campagna vaccinale. Al primo posto ora c’è la Campania, seguita da Umbria e Veneto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Vaccino Coronavirus, in Campania dosi somministrate anche ai medici in pensione: la nota

Vaccino, si attende ok Ema per AstraZeneca

Nel frattempo anche l’AstraZeneca, la terza azienda che ha messo appunto il vaccino, ha ufficialmente chiesto all’Ema l’autorizzazione del loro vaccino. La decisione dovrebbe arrivare il 29 gennaio ha fatto sapere in una nota la stessa agenzia europea.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Terremoto al confine tra Grecia e Albania: magnitudo 4.3

Il Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, su Twitter ha dichiarato che appena il vaccino riceverà l’ok dall’Ema sull’efficacia e la sicurezza, l’Ue si muoverà per l’utilizzo negli Stati comunitari.