Pomigliano, busta con proiettile in Comune: nuove minacce al sindaco Del Mastro

Pomigliano, consegnata in Comune lettera con un proiettile. Minaccia per il sindaco Del Mastro: secondo episodio nel giro di tre mesi.

Pomigliano sindaco
Gianluca Del Mastro, sindaco di Pomigliano d’Arco

Pomigliano d’Arco, comune napoletano che ospita uno dei poli industriali tra i più grandi ed influenti del sud Italia, è stato scosso dall’arrivo di una lettera minatoria indirizzata al sindaco. Il primo cittadino Gianluca Del Mastro è stato destinatario di una missiva contenente un proiettile. Nella mattinata di ieri – ricostruisce La Repubblica – è arrivata la lettera all’ufficio protocollo del Comune, i cui dipendenti, come da prassi, hanno aperto la missiva da smistare poi al sindaco.

Del Mastro (Pd-M5S) ha raccontato: “Mi hanno chiamato non appena hanno visto il contenuto, ho provveduto ad avvertire i carabinieri che ora stanno indagando sull’accaduto. La busta era indirizzata a me e riportava un mittente inventato”.

LEGGI ANCHE –> Napoli, esplosione Ospedale del Mare: evacuato il Covid Center

Pomigliano, proiettile e minacce per il sindaco

Pomigliano
Una volante della Polizia (Getty Images)

Un episodio simile era già capitato pochi mesi fa, al momento della sua elezione. Il sindaco è tornato su quella prima volta: “Subito dopo la mia elezione abbiamo trovato un proiettile fuori ad una sede elettorale, senza busta né lettere”. L’accaduto è stato denunciato anche in quella occasione dal primo cittadino.

Del Mastro non ha intenzione di fermarsi, nonostante i due episodi minatori nel giro di tre mesi: “Stiamo lavorando in piena trasparenza seguendo la linea del rinnovamento promesso in campagna elettorale”. Dichiarazioni di solidarietà e vicinanza sono arrivate da tutti i principali esponenti sia di maggioranza che di opposizione.

LEGGI ANCHE –> De Luca: “Italia in zona arancione, card per i vaccinati in Campania”

Il proiettile era accompagnato da una lettera in cui si invitava il sindaco a “dimettersi per il suo bene”. Una minaccia che non sembra. riconducibile a qualche atto in particolare varato dall’amministrazione comunale. Il primo cittadino di Pomigliano d’Arco non ha letto la lettera minatoria: una volta visto il proiettile, si è evitato di toccare la missiva per non inquinare le prove.