Governo, crisi evitabile: si va verso un Conte III?

Governo, la crisi si può superare con un rimpasto che farebbe nascere un nuovo esecutivo guidato sempre da Conte

governo
Getty Images

Crisi di governo sì, crisi no; forse è tutto risolto oppure ci sarà la spaccatura. C’è ancora incertezza sul futuro del governo e sull’appoggio di Italia Viva a secondo esecutivo targato Giuseppe Conte.

Fino a qualche giorno fa il leader del piccolo partito della maggioranza, ma essenziale per la sua esistenza, aveva toni diversi, quasi da ultimatum. Ora sono più pacati ma resta il 7 gennaio come data importante. Le ministre in quota Itala Viva potrebbero dimettersi ma Renzi e Conte stanno camminando in direzioni che li porta a incontrarsi.

Il punto è il Recovery plan, almeno secondo quello che dice Renzi e non si tratterebbe di una questioni di sondaci politici o poltrone. Il premier vorrebbe sottoporre agli alleati di governo la bozza del Recovery del ministro dell’Economia Gualtieri e questo sarebbe il primo segno di disgelo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Governo, tutte le decisioni per il periodo 7-15 gennaio

Governo, cosa potrebbe succedere

Si tratta anche su nuove nomine. Un rimpasto di governo dunque potrebbe esserci a dispetto delle dichiarazioni che non è una questione di poltrone. Ma se questa strada sarà utile a tenere in piedi il governo che ben venga. Sembra essere questo il sentimento prevalente nella maggioranza.

Anche da parte del Movimento 5 Stelle che mal sopporta questa situazione di precario equilibri, sotto minaccia da parte di Italia Viva. A Renzi e ai suoi non dispiacerebbe un esponente Pd con un ruolo di maggiore responsabilità come il ministro Franceschini vicepremier, nome che nelle ultime ora sta prendendo quota.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Roberto Fico ammonisce il governo: “Crisi adesso sarebbe disastrosa”

Ieri Maria Elena Boschi ha ribadito che non si vuole aprire la crisi di governo né si vuole andare ad elezioni anticipate ma da Conte vogliono delle risposte chiare.