Roberto Fico ammonisce il governo: “Crisi adesso sarebbe disastrosa”

Roberto Fico, il presidente della Camera si rivolge ai membri della maggioranza: “Tutti devo fare uno sforzo”

Roberto fico crisi di governo
Getty Images

Sarebbe incomprensibile e disastrosa“, così il presidente della Camera dei Deputati Roberto Fico parla della paventata crisi di governo. Non è da ieri che Movimento 5 Stelle e Italia Viva hanno un rapporto non proprio roseo.

Prima e durante le festività natalizie si sono susseguite le dichiarazioni (soprattutto da parte dei renziani) che hanno fatto prevedere tempi difficili per la tenuta della maggioranza di governo.

Ascolto e responsabilità, sono le due parole pronunciate dal numero uno di Montecitorio. Non bisogna coltivare i meri interessi di parte in un “momento storico delicatissimo, cruciale”.

Fico è favorevole alle critiche per rendere più “incisiva l’azione di governo”. Critiche e temi, però, devono essere appunto costruttivi e non miranti ad aprire una crisi che “sarebbe imperdonabile”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, guardia alta. Speranza: “Dopo feste ancora coprifuoco”

Fico contro la crisi di governo: su cosa rischia l’esecutivo

Recovery Plan

Da settimane il leader di Italia Viva, l’ex premier Renzi, manda segnali al governo evidenziando come l’appoggio dei suoi parlamentari sia essenziale per la tenuta della maggioranza. Il senatore toscano ha sempre sostenuto che non è una questione di poltrone ma di proposte.

Idee che riguardano in particolare il Recovery Plan che “se non piacciono andiamo all’opposizione” ha detto il capo del partito sulle colonne de Il Messaggero. Alle sue parole fanno seguito quelle della fedelissima Maria Elena Boschi. Anche l’ex ministro delle riforme costituzionali ha detto senza mezzi termini che sono pronti ad andare all’opposizione.

POTREBBE INTERESSARRI ANCHE >>> Merito della Repubblica, 36 onorificenze: 3 sono napoletani

Il giorno fatidico è il 7 gennaio. Fino ad allora le parti cercheranno un accordo su cosa fare dei 196 miliardi dell’Europa. In caso di mancato accordo si comincerà a parlare seriamente degli scenari in caso di concreta ipotesi di uscita dalla maggioranza di Italia Viva.