Governo, tutte le decisioni per il periodo 7-15 gennaio

Vertice di Governo, le decisioni per il periodo dal 7 al 15 gennaio in Italia. Dallo stop allo spostamento tra Regioni alla zona arancione.

Governo
Giuseppe Conte (Foto: Facebook Presidenza del Consiglio)

Vertice di Governo: il Premier Giuseppe Conte ha incontrato i capidelegazione della maggioranza, il ministro per gli Affari Regionali Francesco Boccia e i membri del Comitato tecnico scientifico. L’obiettivo della riunione era fare il punto sulle decisioni da prendere in vista della scadenza delle misure restrittive adottate con il Decreto legge natalizio. A tal proposito, il ministro della Salute Roberto Speranza ha in programma un incontro con la cabina di regia per il monitoraggio regionale. A partire dal 7 gennaio, infatti, l’Italia dovrebbe tornare ad adottare il sistema di colori diversificato a seconda del livello di criticità dell’epidemia coronavirus sul territorio (zona gialla, arancione, rossa).

LEGGI ANCHE –> Coronavirus Italia, il bollettino nazionale di oggi!

Vertice di Governo: tutte le decisioni

Governo
Premier Conte (Getty Images)

Il 15 gennaio è la data di scadenza dell’ultimo Dpcm emanato dal Premier Conte, le discussioni si sono riferite dunque al periodo 7-15 gennaio. Ecco quanto riferito dall’Ansa: il weekend del 9 e 10 gennaio tutta l’Italia sarà zona arancione. Nel prossimo fine settimana bar e ristoranti chiusi anche a pranzo, aperti soltanto per asporto e delivery. Dal 7 gennaio e fino al 15, inoltre, è previsto lo stop degli spostamenti tra Regioni (consentiti soltanto per comprovate ragioni di necessità). Fino alla metà del mese potrebbe essere prorogata anche un’altra misura già vista in questo periodo di festività natalizie: il divieto di ospitare in casa più di due persone non conviventi (minori di 14 anni esclusi).

LEGGI ANCHE –> Scuola, nuovo allarme: riapertura a rischio il 7 gennaio

Infine – riporta ancora l’agenzia – il presidente del Consiglio ha ribadito che la didattica in presenza a scuola deve riprendere dal 7 gennaio, nonostante i dubbi sollevati da presidi e sindacati. Conte sostiene la posizione della ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, che annuncia che il Governo non arretrerà sulla questione riapertura delle scuole.