Raffaele Guariniello: “Chi non si vaccina rischia il licenziamento”

Raffaele Guariniello, l’ex magistrato spiega che esiste una legge a tutela dei diritto alla salute dei lavoratori

Raffaele Guariniello
Getty Images

L’ex magistrato Raffaele Guariniello, esperto di diritto alla salute, in un’intervista a Il Fatto Quotidiano ha spiegato che fare il vaccino non è solo un’obbligo morale ma lo prevede la legge, precisamente l’articolo 279 del Testo Unico sulla Sicurezza sul Lavoro.

“Tutelare la salute significa vaccinare il maggior numero possibile di persone”, ha affermato, spiegando che la legge impone ai datori di lavoro di mettere i vaccini a disposizione dei propri dipendenti che non siano immuni. Ma c’è un’importante precisazione: la legge mette a disposizione il vaccino, ma non obbliga.

La stessa norma prevede anche l’allontanamento temporaneo del lavoratore. Si parla di “inidoneità della mansione“. In pratica se un lavoratore non è vaccinato viene dichiarato dal medico competente inidoneo.

Il vaccino mira alla tutela della salute di tutti, non di un singolo lavoratore. Si può ricollocare il lavoratore altrove, ma se non è possibile è previsto il licenziamento.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Vaccino, in partenza dal Belgio le prime dosi per l’Italia

Raffaele Guariniello: perché è possibile il licenziamento

La legge dice che la ricollocazione all’interno dell’azienda deve avvenire “ove possibile”. Guariniello spiega che quando “non è possibile”, il rischio del licenziamento può essere concreto. Ora con lo smart working la situazione è diversa ma potrebbe cambiare quando si tornerà all’agognata e cosiddetta normalità.

Un problema che potrebbe presentarsi visto che non poche persone come i no vax, da mesi sostengono che non faranno alcun tipo di vaccino anche se fossero obbligati. Al momento la legge non prevede alcuna obbligatorietà: le dosi dei vaccini che stanno per arrivare in Italia sono gratuiti e facoltativi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Napoli, lite al mercato ittico nella notte: ferito anche un minorenne

Si valuterà però quanti italiani saranno vaccinati nel corso del 2021. Non è escluso che se il numero delle persone immunizzate fosse basso, la regola della non obbligatorietà potrebbe essere rivista.