Lombardia contro la Campania: rifiutato il presepe in dono

La Lombardia rifiuta il presepe donato alla regione Campania. Ad accettarlo però è il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori: “Segnale di unione”.

Lombardia Campania
La regione lombarda rifiuta il gesto di De Luca (Getty Images)

Gesto discutibile della Lombardia che rifiuta il presepe in regalo da Vincenzo De Luca, governatore della Regione Campania. Ad aver rifiutato il dono non è stato direttamente il governatore lombardo Attilio Fontana, bensì l’assessora da lui nominata al Turismo e anche al Marketing e alla Moda: la maestra di sci alpino Lara Magoni. Un rifiuto avvenuto senza nessun comunicato, solamente con uno scambio di imbarazzo da parte delle due segreterie.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Raffaele Guariniello: “Chi non si vaccina rischia il licenziamento”

Una situazione di vero e proprio imbarazzo. Infatti quest anno, a causa della pandemia da Covid-19, Vincenzo De Luca ha deciso di inviare un presepe alle altre 19 regioni italiane. Un’azione, quella della Campania, che voleva far trasparire unità tra le regioni, contro il nemico invisibile comune. Solamente 48 ore fa, invece, la Regione ha inviato i primi nove presepi. Otto sono stati accolti ed esposti, mentre la sola Milano ha deciso di non esporre il manufatto.

Lombardia rifiuta il presepe della regione Campania: imbarazzo tra le segreterie

Lombardia Campania
Bergamo accetta il regalo (Getty Images)

Dopo il rifiuto di Lombardia e Milano, la Regione Campania ha riprovato a proporre il dono al sindaco di Bergamo, Giorgio Gori. Il primo cittadino della città orobica, la più colpita dal virus, ha accettato senza pensarci due volte. Gori infatti ha affermato: “Un gesto che unisce i territori ed esprime un messaggio di speranza in un momento di grande difficoltà collettiva“.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Napoli, lite al mercato ittico nella notte: ferito anche un minorenne

A realizzare i presepi di quest anno ci hanno pensato diversi artigiani tra cui i maestri: Michele Buonincontro, Lucio Ferrigno, D’Auria, Giovanni Giudice, Carmela Manzavino, Fratelli Capuano, Salvatore Gambardella e Genny Di Virgilio.

Le loro opere hanno raggiunto diverse località, tra cui: le sedi municipali di Zagarolo per il Lazio, di Firenze, San Francesco di Paola per la Calabria, al Museo Castromediano di Lecce, la chiesa dei Martiri di Torino, la sede della Regione a Bologna a Palazzo Malvezzi, il Salone nobile di Palazzo Sceriman di Venezia, sede della Regione Veneto, e un salone dell’assessorato regionale al Turismo della Sicilia. Un bel gesto della Campania che con le sue opere artigianli prova a ricompattare il paese dopo un anno difficile sotto tutti gli aspetti.