Juventus-Napoli va rigiocata: accolto il ricorso del club azzurro

Juventus-Napoli, ricorso accolto: partita da giocare e un punto in classifica restituito al club azzurro di De Laurentiis. La sentenza è arrivata oggi.

Juventus Napoli ricorso
Juventus-Napoli (Getty Images)

Il Collegio di Garanzia del Coni dà ragione al Napoli. La partita contro la Juventus va rigiocata, anzi giocata. Annullata anche la penalizzazione di un punto alla formazione azzurra, ribaltando così le sentenze di primo e secondo grado. Quando si giocherà? L’ipotesi è il 13 gennaio, le sfide di Coppa Italia verrebbero rinviate e le due squadre si incontrerebbero in campionato una settimana prima della sfida di Supercoppa Italiana (20 gennaio 2021).

LEGGI ANCHE –> Calciomercato Napoli, addio a gennaio: l’agente è in sede

Lo stesso presidente Aurelio De Laurentiis è intervenuto durante la seduta: “Sono risultato positivo al virus il 9 settembre, ho passato 40 giorni a letto. Conosco la gravità della pandemia. Se fossimo partiti cosa avrebbero detto gli altri napoletani nel momento in cui la Campania era una delle ragioni più contagiate?”. Gli avvocati del Napoli hanno sottolineato la volontà del club di giocare la sfida, ma in seguito al divieto dell’ASL si rischiavano conseguenze penali.

LEGGI ANCHE –>Infortunio Koulibaly, i tempi di recupero saranno lunghi: i dettagli

Juventus-Napoli, ricorso accolto: ipotesi 13 gennaio per il recupero

Napoli in ritiro
Gattuso (Getty Images)

La gara si sarebbe dovuta giocare inizialmente domenica 4 ottobre, terza giornata di campionato. In quel momento il Napoli viva un grande momento di forma: due partite giocate, due vittorie, 8 goal segnati e 0 subiti. La Juventus era invece in difficoltà, la squadra aveva infatti accusato dal punto di vista del gioco l’arrivo di Andrea Pirlo in panchina. La Federcalcio in quest’ultimo grado di giudizio aveva deciso di non costituirsi parte civile per difendere le sentenze della sua giustizia sportiva. La Procura Generale dello Sport ha espresso scetticismo riguardo la sentenza della Corte d’Appello, affermazione che quest’ultima aveva fatto “il passo più lungo della gamba”. Una dichiarazione che ha senza dubbio aiutato a prevalere le ragioni del Napoli.

LEGGI ANCHE –> Infortunio Lozano: niente frattura, ma Napoli-Torino è impossibile

La sconfitta per 3-0 a tavolino è stata annullata, le ragioni della sentenza saranno rese note dopo il 7 gennaio. Al termine dell’udienza Mattia Grassani, avvocato della SSC Napoli, è intervenuto ai microfoni di Radio Kiss Kiss esprimendo tutta la propria soddisfazione per il verdetto del Collegio di Garanzia:

Giustizia è fatta, sentenza storica. Ho appena sentito il Presidente De Laurentiis: è soddisfatto, è giusto così. Questa è una che farà giurisprudenza, che sovverte un pregiudizio, ossia che il Napoli dovesse perdere con la Juventus senza giocare. E invece la gara si giocherà, vinca il migliore. Non si può rischiare la salute per giocare una partita di calcio. È una vittoria di Davide contro Golia, nel senso che tutti ci davano per perdenti mentre il CONI ci ha dato ragione con un verdetto secco ed inappellabile. Il verdetto accoglie il ricorso, annulla il verdetto e restituisce il punto, oltre ad imporre che si giochi la gara”.