Covid, Sileri sul vaccino: “Si ad obbligo per alcune categorie”

Torna a parlare sul Covid il viceministro della salute Pierpaolo Sileri, che si esprime anche sul vaccino: obbligatorio per alcune categorie.

Covid Sileri vaccino
Il viceministro della Salute su vaccino e Natale (Pagina Facebook)

La situazione Covid-19 inizia a migliorare in Italia, con i contagi che iniziano a scendere come anche gli ingressi nelle terapie intensive ed i ricoveri. Mentre invece continuano a salire i guariti, altro dato che denota una controtendenza che non fa altro che bene al paese. Sull’andamento della pandemia da Covid, così è tornato a parlare anche Pierpaolo Sileri, che si è espresso anche sul vaccino.

Infatti stando alle parole del viceministro, il vaccino dovrebbe essere obbligatorio per alcune categorie. Inoltre stando sempre a Sileri, quando sarà commercializzato, ci sarà una grandissima richiesta per il farmaco. Per questo motivo, al momento, Sileri non pensa che sia necessario l’obbligo di vaccino per l’intera popolazione. Il Governo, ad oggi, ha già comunicato alle regioni le necessità del numero di centri di stoccaggio, di vaccinazione, con un centro per ogni 20mila abitanti.

Infine per il viceministro, se la vaccinazione dovesse iniziare a partire da gennaio-febbraio, nei primi tre mesi si dovrebbero vaccinare circa 10 milioni di abitanti. Un risultato importante, che si presenta di fronte ad uno scenario molto veritiero. Infatti sono diversi i farmaci anti-Covid che dovrebbero iniziare a circolare già da inizio anno. Andiamo a vedere la posizione del viceministro sul Natale.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Covid, i meno colpiti sono i bambini: 43mila casi tra i 0 ed i 9 anni

Vaccino Covid, Sileri dice la sua sul Natale: “Mantere alta l’attenzione”

Covid Sileri Natale
Il viceministro della Salute fa il punto della situazione (Getty Images)

Pierpaolo Sileri è tornato anche sul tema Natale. Infatti per il viceministro della Salute non bisogna abbassare la guardia, visti i sacrifici delle ultime settimane nelle regioni rosse ed arancioni.

Al momento infatti il virus non permette di tornare a quella normalità che tutti vorremmo, visto che i dati dei decessi sono ancora alti e l’indice di contagio ancora deve scendere sotto l’1. Per Sileri la luce si vedrà una volta che arriverà il vaccino. Infatti solamente in quel momento la strada sarà in discesa.

Sulle restrizioni attuate al momento, Sileri ha concluso affermando che rimarranno ancora in vigore, salvo qualche allentamento che potrebbe arrivare nel periodo natalizio. Ma per ora regna la cautela, visto che ulteriori decisioni verranno prese solamente dopo i primi dieci giorni di dicembre.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Scostamento, Conte conferma il dialogo: “Voto ottimo segnale”

L.P.

Per altre notizie di Politica, CLICCA QUI !