Scommesse clandestine tra Palermo e Napoli: arresti e sequestri

Scommesse clandestine, l’operazione della Guardia di Finanza è il proseguo della precedente avviata a giugno scorso

Scommesse clandestine
Getty Images

L’operazione che ha portato a quindici arresti è della Guardia di Finanza di Palermo che ha smantellato due organizzazioni di scommesse clandestine. Sei persone in carcere e nove agli arresti domiciliari.

Circa cento militari dei reparti del capoluogo siciliano, di Napoli e di Salerno, hanno sequestrato su disposizione del Gip sei agenzie tra Palermo e la provincia di Napoli. Le accuse sono di associazione a delinquere finalizzata all’esercizio abusivo delle scommesse e truffa ai danni dello Stato e trasferimento fraudolento di valori.

L’indagine delle Fiamme gialle non è nuova. È la prosecuzione di quella denominata All in (All in si gioca è il nome del secondo filone) che a giugno scorso portò all’arresto di dieci persone indagata a vario titolo. Per queste però le contestazioni della magistratura erano aggravata dall’accusa di concorso esterno a cosa nostra.

Cinque mesi fa furono cinque le imprese che furono sequestrate che aveva ottenuto le concessioni stati dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli per le scommesse.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>>  Furti d’auto, nel napoletano sgominata una banda di ladri

Scommesse clandestine, giro d’affari tramite le agenzie legali

Oltre agli uffici e nelle stesse agenzie di scommesse, tra la Sicilia e la Campania le perquisizioni sono avvenute anche nelle abitazioni degli indagati. Nella prima indagine erano emersi i presunti rapporti tra la mafia e scommesse illegali. Con l’operazione di oggi sono venute alla luce due diverse associazioni, distinte ma parallele, con a capo Salvatore Rubino.

Sarebbe stato lui a organizzare la rete illegale che raccoglieva ogni mese un giro di scommesse per 2,5 milioni di euro secondo le intercettazioni telefoniche. I soldi delle giocate clandestine venivano raccolte tramite le agenzie regolari. I gestori di queste, in accordo con gli indagati, alimentavano il sistema parallelo accettando soldi in contanti convogliate tramite piattaforme estere e illegali.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Torre del Greco, donna massacrata dal figlio di 33 anni: l’omicidio è avvenuto in casa