Coronavirus, il bollettino del 2 novembre: 22.253 contagiati e 233 morti

La Protezione Civile, come di consueto, ha reso noti il bollettino sulla diffusione del Coronavirus in Italia: i dati del 2 novembre.

Coronavirus bollettino 2 novembre
Protezione Civile, bollettino coronavirus del 2 novembre (via WebSource)

In Italia, da domani, entrerà in vigore un nuovo Dpcm. Le norme varate dal Governo nelle ultime ore serviranno a ridurre la diffusione del Covid-19 in tutto il Paese. Al momento, però, non si attuerà un lockdown nazionale. L’idea è quella di agire a livello regionale per non bloccare l’intero paese. In mattinata il premier Conte ne ha spiegato i punti salienti nel suo intervento alla Camera.

Le decisioni maggiormente restrittive saranno “modulate in base alla criticità del territorio e in base alla tenuta dei servizi sanitari”. Si individueranno tre aree con misure via via più restrittive. L’inserimento di una Regione in un’area dipenderà dal Ministero della Salute con un’ordinanza. Su tutto il territorio nazionale ci sarà la chiusura centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi così come musei e mostre.

Inoltre, tra le regioni dove il rischio è maggiore è possibile che sia proibito lo spostamento, salvo comprovate esigenze. Confermata anche la Didattica a Distanza per la scuola superiore.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, il bollettino nazionale di oggi 1 novembre

Coronavirus, il bollettino del 2 novembre nel dettaglio

Coronavirus bollettino 2 novembre
Il bollettino sulla diffusione del Coronavirus in Italia (Protezione Civile)

Coronavirus, i dati del bollettino di oggi:

22.253 contagiati
• 233 morti
• 3637 guariti

I 135.731 tamponi effettuati nelle ultime 24 ore hanno confermato 22.253 casi totali. A questo proposito, il tasso di positività continua a crescere: 16,4% (+0,1%). Nel riquadro delle terapie intensive si registra un +83 in un giorno mentre per i ricoveri ordinari c’è un +938. Intanto, gli ordini dei medici di varie regioni chiedono a gran voce di fermare il Paese per non rischiare il collasso sanitario.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, direttore dell’Oms in isolamento dopo contatto con positivo