Lazio, coprifuoco dalle 24 alle 5: terza Regione in Italia, tutte le misure

Lazio, coprifuoco dalle 24 alle 5: terza Regione in Italia a prendere questa decisione, nuove misure di restrizione contro il coronavirus.

Lazio coprifuoco
Colosseo, Roma (Getty Images)

La Regione Lazio seguirà l’esempio di Lombardia e Campania: coprifuoco notturno dalle 24 alle 5 del mattino seguente. In Italia arrivano le prime sospensioni della mobilità senza un’autocertificazione che giustifichi lo spostamento per comprovati motivi di salute, famigliari o per procurarsi beni di prima necessità. In queste prime tre regioni d’Italia si tornerà ad un regime di lockdown, almeno nella fascia oraria notturna. Questo permetterà di evitare la formazione degli assembramenti tipici della movida, soprattutto nel fine settimana. Il governatore Nicola Zingaretti ed il ministro della Salute Roberto Speranza hanno firmato l’ordinanza. Una decisione che arriva “considerato l’evolversi della situazione epidemiologica, il carattere particolarmente diffusivo dell’epidemia e l’incremento dei casi sul territorio nazionale”.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus Italia, il bollettino nazionale di oggi

LEGGI ANCHE –> Covid, direttore Asl in allerta: “Rischiamo il collasso”

Coprifuoco anche in Lazio: nuove misure anti Covid

bollettino coronavirus oggi
Coronavirus Italia

La curva dei contagi in Italia è in crescita, registrando un aumento considerevole nel mese di ottobre. E dagli ospedali arriva l’allarme di medici ed esperti: le strutture sanitarie rischiano il collasso.

Il primo punto dell’ordinanza della Regione Lazio riguarda proprio la situazione ospedaliera ed il numero di posti letto: è necessario “incrementare la dotazione di posti letto dedicati all’assistenza di pazienti affetti dal virus, identificando strutture pubbliche e private ulteriori rispetto a quella già inserite nella rete Covid, anche parzialmente dedicate e provvedere all’ampliamento dei posti di quelle già inserite in rete”. In questo modo si arriverà ad un numero di 2913 e di questi 552 da dedicare alla terapia intensiva.

Il secondo annuncia il coprifuoco sul territorio regionale: “Sul territorio della Regione – si legge – dalle 24 alle 5 del giorno successivo sono consentiti esclusivamente gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative (a titolo esemplificativo il tragitto domicilio, dimora e residenza verso il luogo di lavoro e viceversa), gli spostamenti motivati da situazioni di necessità o d’urgenza, ovvero per motivi di salute. La sussistenza delle situazioni che consentono gli spostamenti in tale arco temporale incombe sull’interessato tenuto ad attestarlo” con una autocertificazione, appunto.

Da lunedì prossimo nel Lazio scatteranno le misure per la didattica a distanza alle scuole superiori e nelle università. Infine, è prevista una manifestazione di interesse per individuare strutture private per effettuare 5000 tamponi al giorno.

LEGGI ANCHE –> Ricciardi avvisa: “Napoli, Milano e Roma sono fuori controllo”

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, nuova ordinanza in Campania: no a spostamenti tra province