De Magistris attacca ancora: “Errori della Regione, si va verso lockdown”

De Magistris si scaglia ancora contro la Regione Campania criticando la gestione dell’emergenza sanitaria: “Triste chiudere le scuole”

Il sindaco di Napoli Luigi De Magistris attacca la Regione e questo ormai non è più una novità. Il primo cittadino napoletano negli ultimi tempi esprime spesso il proprio disappunto verso le politiche regionali del governatore Vincenzo De Luca.

Andremo sicuramente verso il lockdown” dice il sindaco a Radio Anch’io, trasmissione di Radio 1. Sono rimasti solo 15 posti in terapia intensiva dice De Magistris che “scagiona” i cittadini sostenendo che in gran parte sono stati responsabili. Le maggiori mancanze, invece, le imputa alla Regione: i tamponi vengono fatti molti giorni dopo e accusa De Luca di non far parlare in merito, riferendosi al divieto di parlare con i giornalisti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Taglio dei parlamentari è legge: Mattarella ha firmato

De Magistris: “Che tristezza le scuole chiuse appena riaperte”

Anche la medicina territoriale è un problema secondo l’ex Pm, smantellata già prima della pandemia. Ma è la scuola il tema più importante. Già per tutta l’estate il sindaco ne ha parlato, quando il tema era la riapertura. “Che tristezza chiudere le scuole appena aperte” ha detto nell’intervista.

Le scuole in Campania resteranno chiuse fino al 30 ottobre e l’argomento è ancora caldo dopo l’ordinanza di qualche giorno fa alla quale era poi seguita una che faceva un po’ retromarcia, aprendo le porte all’asilo.

La riapertura della scuola è stata anche oggetti di una fake news e di un ricorso di alcuni genitori che dopo le proteste fuori al palazzo della Regione la settimana scorsa, si sono rivolte al Tar ma il Tribunale ha respinto la richiesta, mantenendo l’ordinanza di De Luca.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Covid, Conte preoccupato: “Curva dei contagi in rapida risalita”