Cesare Battisti trasferito in Alta Sicurezza con i terroristi islamici

Cesare Battisti, ex terrorista estradato in Italia, viene trasferito nel reparto di Alta Sicurezza del carcere di Rossano con terroristi islamici.

Cesare Battisti
(Getty Images)

L’ex terrorista Cesare Battisti, estradato in Italia a gennaio dello scorso anno dopo 37 anni, è trasferito nel reparto di Alta sicurezza (AS2) del carcere di Rossano, in Calabria. La decisione del trasferimento è stata disposta dal Dipartimento amministrazione penitenziaria. A riferirlo è l’agenzia AdnKronos. Attivo durante gli anni di piombo come membro del gruppo Proletari Armati per il Comunismo, negli ultimi anni si era rifugiato in Brasile, dopo una prima fase di latitanza tra Messico e Francia. Condannato all’ergastolo in contumacia, adesso l’ex terrorista venerdì mattina ha cominciato a scontare la pena nel reparto dove sono detenuti i terroristi islamici. Il Dap ha comunicato il via libera: dunque, non ci sono pericoli per l’incolumità dell’uomo.

LEGGI ANCHE –> Coronavirus, il bollettino di oggi 19 ottobre: contagi in calo, 73 morti

Cesare Battisti in carcere con i terroristi islamici

Cesare Battisti
(Getty Images)

Le riflessioni riguardo la sua incolumità nascevano dalle dichiarazioni di Cesare Battisti, L’ex Pac temeva, infatti, per via delle minacce ricevute dall’Isis e da Al Qaeda dopo le sue prese di posizione sul terrorismo islamico quando si trovava ancora in Brasile. Nessuna resistenza opposta al trasferimento nel reparto AS2, dove ha ricevuto la visita di Mauro Palma, Garante nazionale dei detenuti. Battisti si era rifiutato di incontrarlo, ma poi c’è stato un dialogo dinanzi alla cella dell’ex latitante. L’uomo si trova ora in una cella singola, e potrà decidere se svolgere le ore di socialità con un altro detenuto italiano oppure con i terroristi islamici.

LEGGI ANCHE –> Terrorismo, i carabinieri arrestano in Siria Alice Brignoli

L’arresto

Il 12 gennaio dello scorso anno la latitanza di Battisti giunge al termine in Bolivia ad opera dell’Interpol. Al momento del fermo indossava barba e baffi finti. Il governo boliviano ne rifiuta l’asilo politico e ne ordina l’immediata espulsione verso l’Italia. Il ritorno avviene due giorni dopo. Preso in custodia dalla polizia italiana, al suo arrivo viene condotto nel carcere di Oristano. Nella prigione sarda resta in isolamento diurno per sei mesi.

LEGGI ANCHE –> Legge di Bilancio, pronta manovra da 40 miliardi: stop a cartelle esattoriali