Mertens cuore d’oro: generosa donazione a un ex compagno

Mertens cuore d’oro: ennesimo bel gesto dell’attaccante del Napoli che ancora una volta si mostra disponibile verso gli altri

mertens
Getty Images

Che Dries Mertens fosse generoso già lo sapevamo. Il belga più di una volta ha aperto il suo cuore (e il portafogli) per aiutare chi ha necessità. Non si è mai tirato indietro quando si tratta di tendere una mano al prossimo, in prima persona con una una donazione.

Ora raccontiamo ancora proprio di una trasferimento di denaro per sostenere chi ha bisogno. Questa volta Mertens ha aiutato Nesu, suo ex compagno di squadra ai tempi di Utrecht. Mihai Nesu è un ex calciatore 37enne che nel 2011 ebbe un terribile incidente durante un’allenamento. La frattura della vertebra alla base del cranio l’ha costretto alla sedia a rotelle.

Mertens da allora non ha mai dimenticato né lasciato solo il suo ex compagno di squadra che terminato il contratto con l’Utrecht, decise di lasciare il calcio per curarsi ma senza abbandonare chi ha problemi come lui.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Ronaldo risponde: “Non ho violato il protocollo, ecco la mia quarantena”

Mertens, dalle pizze ai senzatetto alle donazioni

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Happy 50th Anniversary @fc_utrecht !! 🥳⚽️❤️🤍👏🏻🎂🎊 #mihainesufoundation #mihainesu #fcutrecht #anniversary #happiness #follow

Un post condiviso da Mihai Nesu Foundation (@mihainesufoundation) in data:

Fu così che Mihai Nesu aprì una fondazione alla quale Mertens ha donato 12mila euro attraverso la Associazione Just Children Onlus di Pomigliano d’Arco, come riporta Il Mattino. Questi soldi serviranno alla Fondazione per costruire un campo di calcio proprio dell’organizzazione che da anni lavoro in aiuto delle persone bisognose.

Qualche anno fa emerse che nelle fredde notti di dicembre, in incognito, con l’aiuto di alcuni amici e ben mimetizzato perché non cercava pubblicità, Mertens distribuiva pizze ai senzatetto di Napoli, dalla stazione centrale ai portici di Chiaia ma anche nei giardinetti noti per ospitare chi non ha una fissa dimora.

Visite negli ospedali, poi l’aiuto dato con la moglie a un canile di Ponticelli che rischiava la chiusura: Mertens come in campo sbalordisce, fuori fa vedere (e spesso nasconde) che prima di essere un calciatore è un uomo buono, generoso e altruista. Meriti che valgono più dei titoli sportivi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Atalanta, Ilicic è tornato: Gasperini lo carica per il Napoli