Brescia, trovati resti umani: forse sono di bambina scomparsa nel 2018

Brescia, trovati resti umani in un bosco dove si cercò Iuschra Gazi, la dodicenne autistica scomparsa due anni fa

Bosco Serle Brescia
Bosco (Getty Images)

Iuschra Gazi nel 2018 aveva dodici anni e andò in gita con una fondazione che si occupava di ragazzini invalidi. Nei boschi di Serle, in provincia di Brescia, sparì nel nulla e da allora non si hanno più sue notizie.

Ora proprio in quella zona sono stati trovati dei resti, precisamente un teschio, e solo gli esami medici potranno stabilire se si tratta di quello della ragazzina di origini bengalesi.

Il padre ha dichiarato all’Ansa di non sapere nulla e che spera sempre che la figlia sia viva e poterla un giorno riabbracciare. In attesa dell’esame del Dna, dunque, ancora ore di angoscia per il genitori che mai hanno perso la speranza e hanno sempre seguito le ricerca con le forze dell’ordine.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Morto Rosario Wurzburger, è stato direttore della Minerva di Napoli

Brescia, a giugno il patteggiamento dell’operatrice

Qualcosa si simile successe nel dicembre 2018, cinque mesi dopo la scomparsa. In quella zona furono trovate delle ossa, si fu grande apprensione ma poi la smentita: quei resti appartenevano ad animali.

Nello scorso mese di giugno ci fu anche una sentenza della magistratura per questa scomparsa. L’operatrice Roberta Ratti della Fobap, Fondazione Bresciana Assistenza Psicodisabili, aveva il compito di badare a lei. La donna patteggiò otto mesi di detenzione con la Procura che la accusava di omicidio colposo per non aver vigilato come avrebbe dovuto visto che la bambina non poteva essere pienamente autonoma.

Ora si attende con ansia il nuovi risultati sperando che non siano i resti della piccola, lasciando ancora speranza alla famiglia di ritrovarla.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>>  Coronavirus, morto Kenzo Takada: lo stilista giapponese aveva 81 anni