Coronavirus, morto Kenzo Takada: lo stilista giapponese aveva 81 anni

Lo stilista giapponese Kenzo Takada è morto a 81 anni a causa del Coronavirus. Ne dà notizia un portavoce in un comunicato.

Coronavirus Kenzo
Kenzo Takada (Getty Images)

Un portavoce, con un comunicato, ha riferito la notizia della scomparsa del noto stilista giapponese. Il Coronavirus ha portato via l’uomo di 81 anni nell’ospedale americano di Neuilly-sur-Seine.

Stando a quanto riferisce l’edizione online de La Repubblica, si tratta del primo stilista giapponese a imporsi sulle passerelle di Parigi. Nella città francese aveva sviluppato tutta la sua carriera.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, il bollettino del 4 ottobre: in calo i casi. Diminuiscono i tamponi

Coronavirus, scompare Kenzo Takada

Coronavirus Kenzo
Kenzo Takada (Getty Images)

Lo stilista, nato a Hyogo nel 1939, aveva frequentato la scuola di moda Bunka Gakuen di Tokyo. L’uomo aveva deciso di trasferirsi nel 1965 a Parigi. Lì assistette alle sfilate delle più grandi firme del panorama mondiale: Cardin, Dior, Chanel. L’uomo aveva collaborato anche con la casa di moda Feraud.

Nel 1970 decise di aprire la boutique Jungle Jap. Si trattava del suo primo negozio nella Ville Lumiere creando il suo brand, Kenzo. Il suo marchio e le sue creazioni prendevano spunto dalla tradizione giapponese e poi fuse con lo stile europeo e con la cultura delle grandi metropoli mondiali. Il suo marchio, inoltre, divenne dal 1980 una società. La presidenza fu affidata a F. Baufumé e acquistata nel 1993 dalla LVMH Arnault.

Kenzo Takada, quindi, rientra nell’elenco vastissimo di vittime causate dal Covid 19. Nel mondo, da ormai diverse settimane, è stato superato il milione di morti e la cifra cresce tragicamente giorno dopo giorno. L’Italia, per il momento, sta provando a resistere all’arrivo della seconda ondata. I dati parlano di una crescita della curva, ma al momento la situazione è sotto controllo. Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha assicurato che il governo è al lavoro per evitare un nuovo lockdown totale.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus Campania, il bollettino del 4 ottobre: nuovo record di casi!