Coronavirus, il bollettino del 4 ottobre: in calo i casi. Diminuiscono i tamponi

La Protezione Civile, come di consueto, ha reso noti i dati relativi all’epidemia di Coronavirus: questo il bollettino del 4 ottobre.

Coronavirus bollettino
Protezione Civile, bollettino coronavirus del 2 ottobre (via WebSource)

L’Italia sta provando ad evitare un nuovo lockdown totale. Il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha rilasciato alcune dichiarazioni in merito ai microfoni di Rai 3, nel corso di Mezz’ora in più. Secondo le sue parole, infatti, gli organi di governo sono al lavoro per cercare di non tornare alla situazione di marzo ed aprile. Si tratterebbe di un costo troppo elevato per il Paese.

“Chi è al governo – spiega il ministro – lavora giorno e notte per evitare un nuovo lockdown. Quello generalizzato deciso a marzo ed aprile ha un costo sociale ed economico che non possiamo permetterci”. Secondo la sua opinione, infatti, quello che “avverrà nelle prossime settimane dipende da tutti noi. (CLICCA QUI per leggere le altre dichiarazioni del ministro della Salute)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus Campania, il bollettino del 4 ottobre: nuovo record di casi!

Coronavirus, il bollettino del 4 ottobre nel dettaglio

Coronavirus bollettino 4 ottobre
Il bollettino della Protezione Civile del 4 ottobre (Protezione Civile)

Il numero dei contagi, quest’oggi, ammonta a 2578. Si tratta di un calo, seppur minimo, rispetto a ieri. Da tenere in considerazione, però, il numero di tamponi che nelle ultime 24 ore non arriva alle centomila unità: sono stati processati, infatti, “solo” 92.714 tamponi.

A fronte dell 697 guarigioni, si devono contare ben 18 decessi. Continua a crescere, inoltre, il dato dei ricoveri: nella tabella c’è spazio per un +82. Altre 6, invece, sono le persone finite in terapia intensiva nelle ultime 24 ore.

Le strutture ospedaliere di tutta Italia, inoltre, stanno iniziando a prepararsi per una sempre più possibile seconda ondata di ricoveri. I reparti Covid, chiusi nei mesi di maggio e giugno, ora riaprono i battenti.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus Campania, De Luca: “Nuove azioni contro gli assembramenti”