WhatsApp, nuova truffa: rubati già 35mila account. Come difendersi

Una nuova pericolosa truffa sta allarmando gli utenti di Whatsapp, in poco tempo rubati già 35.000 account. Come difendersi

Nell’ultimo periodo gli utenti dell’app di messaggistica più utilizzata al mondo sono alle prese con una nuova truffa. Infatti, circa 35mila account di WhatsApp sarebbero stati rubati. Questo avviene copiando i profili degli utenti su altri dispositivi. 

WhatsApp
Utenti WhatsApp alle prese con una nuova truffa (Via WebSource)

Questa nuova truffa permette di utilizzare l’account WhatsApp di un utente su un altro dispositivo. L’imbroglio avviene attraverso un messaggio. Quando si vuole utilizzare WhatsApp sullo Smartphone viene inviato un codice di attivazione su un altro dispositivo. Gli hacker inviano a loro volta un altro SMS alla vittima che richiede l’invio di tale codice d’accesso.

I cybercriminali in questo modo possono attivare su un altro dispositivo un nuovo WhatsApp, ma l’account è quello dell’utente truffato. Quest’ultimo imbroglio viene messo in atto principalmente nel momento in cui si attiva WhatsApp Web, ovvero la versione dell’app di messaggistica per computer. L’intervento delle forze dell’ordine è stato immediato, ma tali problematiche non sono facili da risolvere.

Come evitare la truffa del furto di account di WhatsApp

WhatsApp
L’ultima truffa che gira sul servizio di Meta (Via WebSource)

La nuova truffa che ha colpito gli utenti di WhatsApp permette agli hacker di rubare loro l’account. L’imbroglio avviene tramite un messaggio, che spinge l’utente ad inviare il codice di accesso del proprio profilo. Il malvivente in questo modo può utilizzare su un altro dispositivo il profilo WhatsApp della vittima. Il proprietario dell’account dell’app di messaggistica ne perde la proprietà.

La polizia di stato è subito intervenuta per mettere in guardia gli utenti e ha spiegato le modalità per evitare di cadere vittime della truffa. Prima di tutto si deve fare sempre molta attenzione ai messaggi che arrivano e, soprattutto, si deve evitare di comunicare i codici di accesso a individui sconosciuti. Inoltre, un metodo per evitare di incappare in questo inconveniente è quello di usare il QR code per attivare su PC WhatsApp web. Questa possibilità però non è applicabile su tutti i cellulari, ma solo quelli che sono in possesso di un lettore di QR Code. Per adesso il consiglio è sempre quello di fare attenzione a non comunicare i propri dati, altrimenti si può facilmente correre il rischio di cadere vittima di una truffa.

Impostazioni privacy