Addio al servizio MacOs: decisione ufficiale della Apple

La Apple ha deciso di dare il suo addio ufficiale al servizio MacOs. Svolta per il colosso visto che il server era in vita da 23 anni.

Svolta epocale per la Apple che dopo 23 anni dice ufficialmente addio al servizio MacOs. Il server ha segnato senza ombra di dubbio un’epoca. Andiamo quindi a vedere i dettagli dietro la scelta del colosso dell’hi-tech.

Apple
Dopo 23 anni la Apple dice ufficialmente addio al server (via WebSource)

Un annuncio delle ultime ore ha lasciato a bocca aperta tutti i fan della Apple. Infatti il colosso della tecnologia ha annunciato ufficialmente la fine del supporto a macOS Server, un’applicazione proposta a 20 dollari che per oltre 20 anni. Per la precisione si parla di 23 anni visto che il servizio è stato lanciato per la prima volta nel 1999. Nel corso di questi anni il servizio ha accompagnato gli utenti macOS che l’hanno sfruttata per la gestione interna dei propri server.

Ovviamente macOS era un tool programmato solamente per il sistema operativo dell’azienda di Cupertino. Il cambiamento storico è avvenuto ieri, giovedì 21 aprile, con il servizio che non è più supportato e non riceverà funzioni aggiuntive. Quindi l’ultima versione a disposizione degli utenti resta la 5.12. Gli utenti comunque potranno continuare ad usarlo su macOS Monterey, anche se non ci sono garanzie riguardo la compatibilità con versioni future del sistema operativo. Andiamo quindi a vedere tutti i dettagli riguardanti la novità storica.

Apple, addio al servizio MacOS: era in funzione da oltre 23 anni

Apple
Una schermata dello storico sistema operativo (Via WebSource)

In queste ore Apple ha cercato di spiegare il motivo per cui ha detto addio al servizio. Infatti per l’azienda oramai macOS Server è ormai ridondante in quanto molte delle sue funzioni caratteristiche sono state gradualmente integrate all’interno delle versioni standard di macOS. Per questo motivo non è più necessario avere una soluzione aggiuntiva per fruirne. Nel comunicato del colosso vengono citati dei servizi lanciati da poco come Time Machine Server, File Sharing Server e Caching Server, che sono disponibili per tutti a partire da macOS High Sierra.

Ulteriori informazioni sono fruibili dalla pagina di supporto dedicata. Infatti Apple ha voluto pubblicare delle guide anche per tutti coloro che hanno bisogno di scegliere e configurare una nuova soluzione dedicata alla gestione MDM. Nonostante l’azienda di Cupertino ha sottolineato come alcune delle funzioni di macOS siano oramai obsoletel’annuncio della fine del supporto non ha reso felici molti utenti che ne fanno uso, in quanto non hanno riscontrato nelle nuove soluzioni la stessa flessibilità nella gestione degli strumenti amministrativi a cui erano abituati. Vedremo quindi se gli utenti protesteranno ancora o si abitueranno presto al nuovo servizio.