Portale delle Famiglie: come funziona il servizio dell’Inps

Il Portale delle Famiglie è il nuovo servizio messo a disposizione degli italiani dall’Inps: scopriamo come funziona e a cosa serve.

Nei due anni di pandemia nei quali siamo ancora completamente immersi, le famiglie hanno dovuto far fronte a tantissime difficoltà. La scuola in dad, le attività lavorative chiuse, le spese minuziose contando il centesimo per cercare di risparmiare quanto più possibile. Insomma, i tempi sono stati duri ed ora che sembrava arrivare una parvenza di normalità lo scoppio della guerra in Ucraina ha fatto ripiombare tutto in un caos che si spera finisca presto.

portale delle famiglie
Il Portale delle Famiglie, il nuovo servizio dell’Inps (via social)

Il Covid, però, ha generato anche una velocizzazione in quanto a digitalizzazione di tanti settori. Molti in precedenza accettavano con riluttanza la possibilità di operare in rete. I servizi pubblici, in particolare, in questo periodo hanno subìto una vera e propria accelerazione in tal senso permettendo a famiglie ed imprese di accedere a tanti servizi con un solo click. Proprio nelle ultime ore, l’Inps ha rilasciato il Portale delle Famiglie. Cos’è e come funziona?

Siamo anche su Telegram: seguici per tutte le novità!

Come funziona il Portale delle Famiglie dell’Inps?

portale delle famiglie
Il logo dell’Inps (via social)

Il nome stesso del servizio indica a chi è indirizzato, per questo motivo sembrerebbe abbastanza scontato precisare che si tratta di un canale dedicato alle famiglie. L’attivazione di questo portale si inserisce nel grande progetto previsto dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr). Tra gli obiettivi, infatti, c’è quello di realizzare una digitalizzazione delle infrastrutture tecnologiche per permettere agli italiani di accedere alla Pubblica Amministrazione con un semplice click.

Il Portale delle Famiglie, quindi, nasce per permettere la fruizione del servizio attraverso i dispositivi di cui gli italiani sono dotati: smartphone, tablet e pc. L’accesso, ovviamente, può avvenire tramite SPID, Carta di identità elettronica (CIE) o Carta Nazionale dei Servizi (CNS). L’Inps, attraverso il proprio portale, spiega che accedendo a questo servizio “è possibile visualizzare le informazioni sulle prestazioni erogate o in corso di erogazione, lo stato di lavorazione delle domande, gli eventuali pagamenti, le informazioni relative ai figli minori e il valore del proprio ISEE , se presente”. Tra le possibilità, accedendo al portale, c’è quella di dialogare con un assistente virtuale che è disponibile a qualsiasi ora del giorno della notte, sette giorni su sette. Inoltre, si può cercare di determinare gli importi ai quali si può avere diritto facendo richiesta di una determinata agevolazione attraverso specifici simulatori.