Rincari: tutte le misure del governo per aiutare gli italiani

Bisogna trovare in tempi brevi delle soluzioni ai rincari dell’ultimo periodo: tutte le misure del Governo per aiutare gli italiani.

La guerra tra Russia ed Ucraina, purtroppo, continua a mietere vittime e, parallelamente, dà vita a tutta una serie di problematiche economiche che stanno avendo pesanti ripercussioni. In Italia, ad esempio, il prezzo di prodotti di quotidiano utilizzo stanno salendo alle stelle causando molte ripercussioni ai cittadini e alle aziende. Per questo motivo, quindi, il Governo sta pensando ad alcune misure da mettere in atto in tempi brevissimi per poter aiutare gli italiani ad affrontare questo momento davvero complesso.

rincari
Una pompa di benzina per il rifornimento dei veicoli (via pixabay)

Secondo fonti governative, uno scostamento di bilancio non sarebbe previsto, nonostante qualche cauta apertura in tal senso da parte di alcuni ministri. Bisogna, però, trovare delle soluzioni concrete a strettissimo giro per poter far fronte ai rincari, soprattutto quelli energetici. In settimana, quindi, dovrebbe riunirsi il Consiglio dei Ministri per discutere le manovre e come agire nei prossimi giorni per cercare di ammortizzare la spesa esosa alla quale è sottoposta la popolazione italiana in questo momento.

Siamo anche su Telegram: seguici per tutte le novità!

Tutte le misure del Governo per aiutare gli italiani contro i rincari

sanzioni russia
Diverse banconote da 50 euro poste su un tavolo (via pixabay)

Per ciò che concerne i prezzi della benzina sul tavolo c’è la concreta possibilità di intervenire sull’accisa e sull’Iva, mitigando così la spesa delle famiglie. Dall’altro lato, però, si valuta, in contemporanea, anche come agire per far fronte all’aumento di luce e gas. In particolare, stando a quanto riferisce Sky TG24, si proverà a rimodulare la normativa sul bonus sociale, ma si pensa anche a delle forme del tutto nuove di pagamenti rateizzati.

Tra le misure particolarmente apprezzate da premier Mario Draghi ci sarebbe quella della tassazione extra per ciò che concerne i profitti delle società elettriche. Questa eventualità è al vaglio anche della Commissione europea. Questo, secondo le stime, porterebbe ad un gettito di 200 miliardi di euro. Intanto, si muovono anche le procure in questo periodo molto particolare. Nel caso specifico, si indaga sui rincari sul carburante dopo le parole del ministro Cingolani e a seguito dell’esposto del Codacons presentato a 104 Procure italiane. Si ipotizzano delle possibili speculazioni che stanno causando delle gravi problematiche ai danni dei consumatori. In questo momento, quindi, gli uffici giudiziari di Roma e di altre città italiane stanno aprendo fascicoli d’indagine.