PayPal, puniti migliaia di account: decisione irremovibile. Il perché

Nelle ultime ore PayPal ha deciso di punire tutti gli utenti per un motivo ben preciso e non ha intenzione di cambiare idea

Nuovo provvedimento di PayPal che si schiera apertamente contro tutti gli account ed i conti inattivi. Andiamo quindi a vedere la decisione presa dalla società statunitense di pagamenti digitali.

Paypal
Scelta inaspettata da parte del colosso dei pagamenti digitali (Via Screenshot)

Sono sempre tanti ed inaspettati i provvedimenti presi da PayPal. Il servizio di pagamenti digitali più famoso al mondo, infatti, ha deciso di punire gli utenti inattivi presenti che hanno aperto un contro proprio sul sito. L’annuncio è arrivato a tutti via mail, dove il colosso ha annunciato una serie di modifiche alle condizioni contrattuali.

Infatti tramite la comunicazione Paypal ha svelato una serie di modifiche alle condizioni contrattuali. Il colosso ha quindi spiegato che introdurrà una tariffa per venditori ed utenti classici che posseggono account inattivi da almeno 12 mesi. Andiamo quindi a vedere in cosa consiste la stangata che ha colpito improvvisamente gli utenti che da tempo avevano aperto un conto con la piattaforma.

Paypal, puniti gli account inattivi: dovranno pagare 10 euro

PayPal
Il provvedimento inaspettato della piattaforma (Via Screenshot)

Secondo l’ultima decisione di Paypal adesso è previsto un pagamento di 10 euro per tutti gli account che sono risultati inattvi per almeno 12 mesi. Questo addebito avverrà ad ottobre e 2022 sui conti dei venditori e da ottobre 2023 per i conti personali. Inoltre l’aggiunta è avvenuta direttamente sul foglio PDF relativo alle tariffe dei consumatori PayPal, in cui sono presenti tutti i costi che sono costretti a sostenere utenti e venditori.

Inoltre nell’aggiornamento delle condizioni di utilizzo di Paypal, il colosso spiega he a partire dal 6 Maggio 2022 “modificherà il proprio programma Protezione vendite in modo da ampliare l’elenco degli articoli non idonei, che ora includerà taluni token non fungibili (NFT) associati a transazioni il cui importo sia superiore a 10.000 USD“. Quindi avveranno anche delle modifiche al funzionamento di tutto ciò.

Invece nella e-mail arrivata agli utenti inattivi si legge: “Gentile Cliente, stiamo apportando alcune modifiche agli Accordi legali PayPal, i regolamenti che disciplinano il nostro rapporto con te. Non devi fare nulla in questo momento, ma se vuoi saperne di più, la nostra pagina ‘Aggiornamenti delle regole‘ include maggiori dettagli sui cambiamenti, inclusa la data di entrata in vigore e la procedura da seguire se vuoi rifiutarli“. Tutte le modifiche quindi si potranno trovare sul sito ufficiale di Paypal, con l’utente che potrà rifiutare le nuove condizioni.