FarmVille cambia casa: nuova vita tra i colossi dei videogiochi

FarmVille cambia casa: Zynga vende al creatore di GTA Grand Theft Auto. Così nasce un nuovo colosso mondiale dei videogiochi.

FarmVille
FarmVille

La Take Two Interactive, l’azienda statunitense di videogiochi che ha portato il popolare GTA, ha annunciato l’acquisto di Zynga e della sua FarmVille. 12,7 miliardi di dollari per chiudere l’affare e dare il via ad un colosso dei videogiochi, che adesso potrà competere con gli altri big del settore, come Activision Blizzard e EA.

Zynga è specializzata nei giochi per dispositivi mobili e social, adesso Take-Two punta anche agli smartphone. L’impero di Take-Two attualmente si fonda più su console più tradizionali, come PlayStation e pc. Il gruppo che ha portato Grand Theft Auto sulle console di tutto il mondo ha acquisito la casa madre di FarmVille al prezzo di 9,86 dollari per azione. Una cifra del 64% più alta rispetto alla chiusura della borsa di venerdì.

LEGGI ANCHE –> WhatsApp, adesso è possibile leggere i messaggi eliminati: ecco come fare

FarmVille sbarca tra i colossi dei videogiochi

FarmVille
Videogiochi (Foto: Pixabay)

La borsa di Wall Street non è convinta di da questa transazione costata miliardi di dollari. I titoli di Take-Two hanno perso fino al 14%, mentre Zynga vola con un positivo del 44%. Il colosso dei videogiochi che nascerà da questa acquisizione sarà l’amministratore delegato di Take-Two Strauss Zelnick. Cosa farà adesso il numero uno di Zynga? Frank Gibeau sarà il responsabile delle attività su dispositivi mobili di Take-Two e avrà la supervisione dell’integrazione delle due aziende.

Siamo anche su Telegram: seguici per tutte le novità!

Un nuovo presente, una nuova vita per la casa di FarmVille in mezzo a grandissimi titoli che hanno fatto la storia del gaming negli ultimi anni. Il momento è propizio per l’industria dei videogiochi: la pandemia ha costretto in casa milioni di persone in tutti e cinque i continenti. I lockdown hanno spinto questo settore portando grandi guadagni ai colossi dei videogiochi, che oggi vogliono capitalizzare la crescita degli ultimi due anni. La strategia prescelta è ampliare la propria offerta sbarcando nel mondo dei giochi per dispositivi mobili.