Flurona, di cosa si tratta e quali sono i sintomi: importanti studi in corso

Flurona, di cosa si tratta e quali sono i sintomi: tutti gli studi in merito. Scopriamo cos’è nel dettaglio e quali sono i rimedi.

Flurona
Cos’è flurona (Pixabay)

Flurona è un’infezione simultanea da influenza di tipo A o B e da coronavirus Sars-CoV-2. Si verifica in sostanza quando una persona risulta contagiata contemporaneamente da Covid-19 e influenza. Il termine Flurona è la crasi tra flu, influenza in inglese, e rona, contrazione del termine Coronavirus utilizzato per la prima volta il 30 dicembre scorso dal quotidiano israeliano Ynet. Il giornale riportava il caso di una donna incinta non vaccinata né contro il Covid né contro l’influenza e che aveva contratto i due virus contemporaneamente. Scopriamo di cosa si tratta nel dettaglio.

LEGGI ANCHE –> Mascherine FFP2: tutti i luoghi dove è obbligatorio indossarle

Flurona, di cosa si tratta e quali sono i sintomi

Flurona
Tutto quello che c’è da sapere su flurona (Pixabay)

Contrarre due infezioni contemporaneamente non è una cosa nuova nelle pandemie influenzali. Sono state documentate fin dall’inizio della pandemia delle coinfezioni tra Sars-CoV2 e altri virus respiratori come il rinovirus, enterovirus, influenza e altri coronavirus del raffreddore in circolazione. Il primo lavoro sulle coinfezioni tra influenza e coronavirus è stato pubblicato da ricercatori cinesi su The Lancet il 25 marzo 2020. Si stima che il 3% dei positivi al Covid convivono anche con un’altra infezione virale, anche se al momento non ci sono dati certi. Quando viene diagnosticato il Covid-19 con il tampone molecolare non viene indagato con un altro test se è presente un altro virus respiratorio. Quest’ultimo presenta comunque sintomi sovrapponibili a quelli del Coronavirus.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Bonus revisione auto, da oggi parte il rimborso: come ottenerlo

Non si sa ancora se la doppia infezione causa una malattia più grave. Non si sa neanche come interagiscono tra loro i due agenti virali, anche se in genere un patogeno prevale sull’altro. È certamente verosimile che un paziente fragile possa avere delle complicazioni in caso di coesistenza di due azioni infiammatorie. Ovviamente è possibile difendersi dalla doppia infezione vaccinandosi sia contro l’influenza che contro il Covid-19.