Sorrento, al via nuova sperimentazione per la qualità dell’acqua

Sono programmati alcuni test importanti nella città di Sorrento. L’iniziativa è volta a misurare la qualità dell’acqua.

Sorrento
Iniziative importante nella città della costiera (via web)

La città di Sorrento scende in campo per tutelare il proprio mare. Da sempre la nota località è meta di turismo anche per l’ottima posizione, che permette a molti villeggianti di godere di un panorama unico. Anche i pescatori possono beneficiarne, vista la ricchezza di un mare che offre un ottimo pescato locale.

Leggi anche-> Pasta con erbicida: trovate tracce in note marche. C’è anche la Barilla

Ecco perché è in atto un’iniziativa frutto di una joint venture tra l’italiana Foodchain e la giapponese Qms International. Le due società hanno scelto la città costiera per il progetto pilota da esportare poi sul piano internazionale, come rivela il direttore del gruppo nipponico, Atsuya Sugawara. L’amministrazione ha apposto il suo patrocinio al progetto.

Sorrento, le dichiarazioni del presidente del Consiglio comunale

Sorrento
Il presidente del Consiglio comunale Luigi Di Prisco (via web)

Il presidente del Consiglio comunale, Luigi Di Prisco, plaude a questa sperimentazione: “L’iniziativa rientra nel novero delle azioni che l’amministrazione sta portando avanti nel tempo. Tra fine settembre e ottobre è prevista una pulizia e una bonifica dei fondali“.

Leggi anche-> Avellino, sanitari no-vax nel’Asl: in arrivo la sospensione

Le iniziative riguardano anche la tutela del mare, in modo da avere sempre uno spazio pulito e in grado di rigenerarsi. L’obiettivo è quello di mediare tra le esigenze dei pescatori e quelle dell’ecosistema, aggredito anche dai cambiamenti climatici. “Sono in corso nuove analisi e recupero delle reti fantasma, le quali hanno un potenziale distruttivo per tutto l’ecosistema marino. Nel frattempo stiamo proseguendo con il monitoraggio degli abitanti dei nostri fondali, avvistando tartarughe, delfini e squali verdesca“. Un dato importante, visto che nei nostri mari si rischia l’estinzione di alcune specie autoctone.