Vaccini, De Luca: “Hub aperti di notte nelle zone costiere”

La somministrazione dei vaccini non conosce sosta in Campania. Vincenzo De Luca ha spiegato le modalità di attuazione nelle zone costiere.

Vaccini
Il Governatore chiede maggiore attenzione in queste settimane (via Screenshot)

Il consueto appuntamento con la diretta Facebook permette a Vincenzo De Luca di fare il punto sulla campagna vaccinale. Le Asl stanno facendo gli straordinari, cercando di completare le inoculazioni per tutte le fasce di età. Le novità introdotte dal governatore riguardano anche le zone costiere.

Leggi anche-> Covid Campania, peggiora la situazione pandemica: indice Rt sopra 1

Alcune Asl in Campania stanno preparando una campagna vaccinale aperta a tutti. Non sarà necessario prenotarsi. Nelle prossime settimane, queste iniziative coinvolgeranno in particolare le località costiere” afferma il governatore nel corso della diretta.

Vaccini, le iniziative nelle località costiere

Vaccini
Un hub vaccinale campano (Foto Regione Campania)

De Luca prosegue indicando le modalità per aderire: “Le vaccinazioni saranno disponibili per coloro che si troveranno in vacanza sulla costiera Cilentana dalle 18 alle 2 di notte a Marina di Camerota, Palinuro, Acciaroli ma anche a Positano. La prossima settimana dovrebbe riaprire la struttura di Castiglione in Costiera Amalfitana e ci stiamo preparando per fare lo stesso lavoro in altre località costiere della Regione“.

Leggi anche-> Coronavirus, il bollettino di oggi 30 luglio

Il presidente della Giunta Regionale prosegue il suo discorso: “Facciamo di tutto per aumentare il numero di cittadini vaccinati e immunizzati. Più perdiamo tempo, più aumenta il rischio di incontrare altre varianti, magari meno sensibili al vaccino e allora la situazione diventerà complicata. Il tempo è la determinante per tornare alla normalità. Per la scuola lo ribadisco: se vogliamo, come dobbiamo, aprire è necessario completare le vaccinazioni per i ragazzi al di sotto dei 18 anni. Mettiamocelo in testa e procediamo con la vaccinazione dei ragazzi e delle ragazze, questo porterà ad un anno scolastico normale. C’è stato un rallentamento, comprendiamo che dopo un anno e mezzo siamo stremati, che il personale sanitario deve riposare, respirare un paio di settimane. Possiamo mettere in conto un rallentamento ma prepariamoci a riprendere alla grande la campagna vaccinale a partire da agosto“.