Avellino, accoltellato durante una lite: grave un 35enne

Avellino, il fatto è avvenuto a Candida all’esterno di un bar: l’uomo è ricoverato al Moscati mentre si cerca il responsabile

Avellino
Getty Images

A Candida, in provincia di Avellino, è avvenuta una lite nel tardo pomeriggio di mercoledì 27 che ha avuto come conseguenza un ferito grave. Si tratta di un uomo di 35 anni che ha ricevuto un fendente in pieno petto e ora è ricoverato presso l’ospedale Moscati di Avellino in gravi condizioni.

Il fatto è avvenuto all’esterno di un bar e insieme ai sanitari che sono intervenuti per soccorrere l’uomo sono stati accorsi anche i carabinieri della Compagnia di Mirabella Eclano che indagano sui fatti.

I militari stanno indagando per fare luce sull’intero aspetto della vicenda, il movente e la dinamica dei fatti ma soprattutto sono al lavoro nell’individuazione del responsabile. I primi accertamenti da parte dei carabinieri sono stati con eventuali testimoni: i militari in queste ore hanno ascoltato alcune presone che erano presenti al bar e che possano riuscire a indicare il responsabile.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Capri, deciso il metodo di rimozione dell’autobus precipitato

Avellino, un arresto dopo festa per la vittoria degli Europei

Getty Images

Nei giorni scorsi nel capoluogo irpino c’è stato un arresto dopo alcune settimane di indagini. Sono scattate le manette per un 55enne che in occasione della festa per la vittoria della Nazionale di calcio agli Europei aveva sparato alcuni colpi di pistola. Per lui c’è l’accusa di tentato omicidio plurimo, detenzione e porto illegale di armi e sono in corso accertamenti anche sul figlio 17enne: anche il minorenne forse avrebbe sparato alcuni colpi. L’uomo era sceso in strada come tante persone per festeggiare la vittoria e gli spari erano avvenuti in Corso Italia, vicino la scuola Solimena.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Avellino, minacce al direttore del Giuseppe Moscati: busta con un proiettile

Dagli spari sono rimaste ferite tre persone, parenti tra loro, e questo elemento aveva fatto pensare alle forze dell’ordine che si trattasse di una lite. Le scene riprese dalle telecamere di videosorveglianza hanno poi chiarito la realtà dei fatti.