Porta di Massa, 25enne si lancia nel vuoto e muore in facoltà

Dramma a Porta di Massa, nei pressi della facoltà di Lettere e Filosofia. Infatti qui un ragazzo di 25 anni è morto lanciandosi nel vuoto.

Porta di Massa
La sede dell’Università di Lettere e Filosofia (Via Facebook)

Tragedia questa mattina a Porta di Massa dove un ragazzo si sarebbe lanciato nel vuoto suicidandosi. Infatti l’uomo di appena 25 anni avrebbe deciso di farla finita intorno alle ore 11 del mattino. Stando ai testimoni oculari, il tutto sarebbe accaduto nei pressi della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università Federico II.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Capo Miseno, cacciate dalla spiaggia perchè lesbiche: la denuncia

Al momento non sono chiare le motivazioni che avrebbero spinto il ragazzo a lanciarsi nel vuoto. Infatti il 25enne si sarebbe lanciato nei pressi dell’Aula, sotto gli occhi increduli dei suoi colleghi di studio. Sul posto è stato tempestivo l’intervento di carabinieri e dei sanitari del 118, che però non hanno potuto fare altro che decretare il decesso del ragazzo. Andiamo quindi a vedere quanto è successo nell’Ateneo partenopeo.

Porta di Massa, universitario di 25 anni si suicida: indagano i carabinieri

Porta di Massa
La sede di Corso Umberto dell’ateneo partenopeo (via web)

Il gesto del ragazzo di 25 anni che ha deciso di lanciarsi nel vuoto e perdere la vita ha lasciato sotto choc tutti i colleghi dell’Ateneo, increduli dopo aver assistito alla scena. Quella di questo lunedì 19 luglio, quindi, si è rivelata una mattinata drammatica.

POTREBBE INTERESARTI >>> G20 Napoli, rischio Covid: un delegato è risultato positivo

Adesso spetterà alle forze dell’ordine indagare sul suicidio, cercando di fare luce sui motivi che hanno spinto il ragazzo a lanciarsi. Al momento la pista più accreditata è proprio quella del gesto volontario da parte del ragazzo. Ma i militari delle Fiamme Argento sono pronte ad indagare ogni pista possibile, per capire il movente del lancio nel vuoto che ha sconvolto il lunedì mattina della Federico II.