Capo Miseno, cacciate dalla spiaggia perché lesbiche: la denuncia

Episodio di omofobia sulle spiagge di Capo Miseno. Qui due ragazze sono state cacciate perchè lesbiche: spunta il video denuncia.

Capo Miseno
Il video dell’aggressione in spiaggia (via Screenshot)

Ennesimo episodio di episodio omofobia, stavolta sulle spiagge di Capo Miseno. Infatti qui due ragazze, Francesca e Martina, sono state cacciate dalla spiaggia solo perchè lesbiche. Sul web sono apparsi i primi video che hanno denunciato il deplorevole comportamento di due bagnanti, padre e figlia, che si sono indignati per la vicinanza delle due.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Palinuro, quindicenne rischia di annegare: salvata da due cani bagnino

Alcuni ragazzi presenti in spiaggia hanno difeso Francesca e Martina, ma l’anziano signore continuava ad insinuare che la loro presenza avrebbe turbato la nipotina. Le due ragazze hanno denunciato quanto accaduto, con il video che è stato ricondiviso anche dal consigliere regionale di Europa Verde, Francesco Emilio Borrelli. Andiamo quindi a ripercorrere quanto successo sulle spiagge del napoletano.

PER VEDERE IL VIDEO DELL’AGGRESSIONE -> CLICCA QUI !

Capo Miseno, Francesca e Martina cacciate di spiaggia perchè lesbiche: la ricostruzione

Capo Miseno
Una delle stories delle due ragazze discriminate (via screenshot)

Dopo le intimidazioni dell’uomo accompagnato dalla figlia, Martina e Francesca hanno deciso di resistere. Ai microfoni le due ragazze hanno dichiarato: “Non avevamo dato vita certo ad alcun comportamento osceno, al massimo ci siamo date un bacio“. Successivamente le due hanno anche spiegato che la bambina in questione nemmeno le stava guardando, anzi stava giocando in spiaggia da sola ed era totalmente disinteressata dalla vicenda.

POTREBBE INTERESSARTI >>> G20 Napoli, rischio Covid: un delegato è risultato positivo

Inoltre nonostante alcuni ragazzi hanno deciso di difendere la coppia, l’anziano signore ha continuato con le minacce fino ad aggredire con l’asta dell’ombrello. Martina e Francesca hanno continuato la loro denuncia affermando: “Ci siamo sentite umiliate, non avevamo fatto nulla di male: stavamo trascorrendo una giornata al mare come qualunque altra persona“. Un comportamento inaccettabile quello dell’anziano signore, che addirittura ha invitato le due ad andare sulle montagne.