Scampia, gare di moto clandestine: coinvolto anche il figlio del boss

Nuova inchiesta a Scampia sulle gare di moto clandestine. Coinvolto anche Crescenzo Mckay Marino, figlio del boss scissionista Gennaro Marino.

Scampia
Una volante della polizia nel quartiere partenopeo (Questura di Napoli)

A Scampia scatta l’indagine su una serie di gare di moto clandestine, dopo la pubblicazione di un post del consigliere regionale Severino Nappi. Coinvolto nell’inchiesta Crescenzo Mckay Marino, figlio del boss scissionista Gennaro Marino da tempo rinchiuso al 41 bis. Infatti il giovane Crescenzo si è ripreso più volte su TikTok, dove a bordo del suo motorino si rendeva protagonista di gesta spericolate sulle note di una canzone di Geolier.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Libero De Rienzo, il giallo sulla morte: la chiamata della moglie all’amico…

Infatti il figlio del boss postava video a bordo della sua moto, con una canzone in cui il rapper napoletano afferma: “Dint’ o quartiere pare o Messico“. A denunciare sui propri social il tutto ci ha pensato Severino Nappi, che definisce quanto accaduto ‘preoccupante‘ proprio perchè la banda è guidata dal figlio del boss degli scissionisti di Secondigliano. Andiamo quindi a vedere la denuncia del consigliere sui propri profili social.

Scampia, gare di moto nel quartiere: la denuncia del consigliere

Scampia
Severino Nappi denuncia le gare tra motorini (via web)

Severino Nappi ha voluto denunciare quanto accade nelle strade di Napoli con un lungo comunicato sui social network. Infatti proprio attraverso TikTok il figlio del boss trova grande consenso con il consigliere che afferma: “Le performance, immortalate da video, fanno incetta di like e di condivisioni. Sono episodi allarmanti e da stigmatizzare perche’ trasmettono esempi sbagliati“. Severino, così, chiede di dare uno stop a coloro che alimentano l’illegalità.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Caserta, incendio un negozio per vendetta: arrestato 44enne

Dopo la denuncia del consigliere regionale, la Procura di Napoli ha aperto un fascicolo d’inchiesta, chiedendo alle forze dell’ordine di fare chiarezza su quanto sta succedendo. Infatti il protagonista dei video appartiene alla nota famiglia dei Marino. Il ragazzo è anche nipote di Gaetano Marino, detto monkerino, ucciso da un attentato con una bomba nel 2012 durante un agguato in una spiaggia di Terracina. Inoltre l’uomo fu il primo marito di Tina Rispoli, donna nota per essersi sposata nuovamente con il cantante neomelodico Tony Colombo.