Digitale terrestre, a breve lo switch-off: guida a test e risintonizzazione

Tutto quello che c’è da sapere sul nuovo digitale terrestre in arrivo in Italia: test di compatibilità e risintonizzazione di tv o decoder.

digitale terrestre
Smart tv (Pixabay)

Il 1° settembre è il giorno da cerchiare in rosso sul calendario per il passaggio al nuovo digitale terrestre. Questo aggiornamento prevede uno standard di alta definizione, un segnale che i televisori di generazione meno recente non saranno più in grado di ricevere. Come capire se la nostra tv è compatibile e continuerà a funzionare anche dopo la data dello switch-off? In via generale, tv e decoder acquistati a partire da gennaio 2017 sono idonei ma nel 2022 ci sarà un secondo cambiamento della tecnologia. Andiamo con ordine.

Siamo anche su Telegram: seguici per tutte le novità!

Settembre sarà il mese del passaggio alla codifica più avanzata: lo standard attuale MPEG-2 sarà abbandonato in favore di quello dell’alta definizione (MPEG-4). Le televisioni che finora non hanno visualizzato le frequenze dei canali HD sono destinate a non funzionare più. La seconda transizione tecnologica è prevista per la fine di giugno 2022: lo standard DVB-T2 con un nuovo sistema di codifica sarà introdotto per avere a disposizioni più canali e con una migliore qualità. Tv e decoder acquistati da dicembre 2018 in poi rispondono anche ai requisiti standard per questo secondo passaggio in avanti.

LEGGI ANCHE –> Bonus tv, chi può richiederlo: come ottenere lo sconto fino a 100 euro

Digitale terrestre, i test per la compatibilità della tv

digitale terrestre
Televisioni in vendita (Getty Images)

Scoprire se il proprio televisore è compatibile con i nuovi standard del digitale è davvero semplice. Per effettuare il test basterà sintonizzarsi su uno dei canali già attivi sul digitale terrestre con trasmissione soltanto in HD (per esempio 501, Rai 1 HD). Se almeno uno dei canali è visibile, significa che il televisore o il decoder è idoneo e al momento non è necessario cambiarlo. In caso contrario, invece, bisognerà provvedere ad installare un decoder o acquistare un nuovo televisore.

LEGGI ANCHE –> DAZN, la nuova offerta va incontro anche a chi ha problemi di linea: costo e dettagli  

Il cambio della banda su cui sono trasmesse le frequenze televisive porterà a dover risintonizzare la propria tv tra settembre di quest’anno e giugno del prossimo. La banda 700MHz, liberata dalle frequenze dei canali del DTT, sarà utilizzata dalle compagnie di telefonia mobile per attivare la rete di connessione dati 5G.