Napoli, tensioni e scontri tra tifosi dell’Italia e Polizia nella notte

Napoli, tensioni e scontri tra tifosi per la vittoria dell’Italia agli Europei 2020: la Polizia interviene nella notte.

Napoli
Napoli, tensioni tra i tifosi (via social)

L’Italia ha vinto gli Europei 2020 contro l’Inghilterra e i festeggiamenti hanno coinvolto tutta la penisola. La felicità per la grande vittoria è dilagata anche a Napoli: due cittadini a piedi sul lungomare portavano con loro gigantografia di Diego Armando Maradona e un poster di Lorenzo Insigne. Nessun maxischermo nelle piazze, ma il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris non ha emesso alcuna ordinanza restrittiva per assembramenti o vendita di alcool. Molti bar e pizzerie ha messo la loro tv al plasma all’esterno per permettere ai clienti di guardare la partita.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Napoli, dalla Premier il rinforzo per la mediana

Una delle zone più frequentata e raggiunta dai tifosi è stata soprattutto quella dei Quartieri Spagnoli, davanti al murales di Maradona. Il lungomare è stato subito invaso da auto, motorini ma anche molte persone a piedi hanno partecipato ai festeggiamenti. La grande festa per la vittoria è culminata però, in diverse zone della città, anche momenti di grande tensione in cui sono dovute intervenire le Forze dell’Ordine.

Napoli, tensioni e scontri tra tifosi

Napoli
Napoli, festeggiamenti dei tifosi (Getty Images)

Nel corso di questa notte, a Napoli, ci sono stati piccoli scontri in piazza Triste e Trento che sono poi rientrati. Sono stati sparati inoltre fuochi d’artificio come durante i festeggiamenti di Capodanno. In Piazza Trieste e Trento a Napoli, nello specifico, si sono creati momenti di forte tensione tra un gruppo di una ventina di giovani e la Polizia in assetto antisommossa.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Haiti, omicidio presidente: arrestato presunto mandante

Il fatto è avvenuto davanti a un bar della piazza. Alcuni ragazzi hanno lanciato alcuni pezzi di vasi delle fioriere della zona verso gli agenti e le forze dell’ordine hanno risposto allontanando i giovani impugnando i manganelli. La situazione è poi fortunatamente rientrata.