Covid, a Napoli scoperta la variante Corradina: “Unica al mondo”

Covid, i ricercatori della Federico II scoprono una nuova variante: sarà utile per studiare le infezioni in soggetti fragili

Covid variante Corradina
Getty Images

A causa delle varianti si teme che nel prossimo autunno ci sarà una nuova ondata di Covid e i ricercatori dell’Università di Napoli Federico II hanno individuato una nuova variante.

Si chiama Corradina come l’ultima discendente di Federico II. È stata individuata in una paziente che per mesi è risultato positivo al Covid. Un caso particolare che ha meritato attenzioni speciali e così è stata individuata la variante che Giuseppe Portella, professore ordinario e direttore del laboratorio di virologia, ha definito “una forma mai descritta della malattia, un caso unico al mondo“.

Lo stesso Portella aveva individuato la cosiddetta variante brasiliana insieme a colleghi Ettore Capiluongo, Giuseppe Castaldo e Ivan Gentile. La variante consiste nella modifica del gene ORF3 e il suo studio, ha spiegato il professore, può aiutare nella gestione delle infezioni che colpiscono i soggetti più fragili.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Meteo, caldo da record in Italia: previsioni e temperature

Proprio in questi giorni si sta svolgendo il congresso della Società di Virologia che si concluderà domani. Non poteva non parlarsi della situazione che tutti stiamo vivendo e infatti ci sono due sezioni dedicate alla pandemia: Covid-19: evoluzione di un virus e Covid-19: patogenesi, prevenzione e controllo. C’è anche un ordine del giorno che riguarda la nuova scoperta.

Covid, il bollettino di ieri: ferme le vaccinazioni a Napoli

Getty Images

Secondo l’ultimo bollettino diffuso ieri dalla Regione Campania la curva del contagio è in calo ma questo dato è spiegabile con il basso numero di tamponi effettuati lo scorso weekend. In aumento il tasso di positività che tocca il 4,55% con 68 nuovi casi registrati nelle precedenti 24 ore a fronte di 1494 tamponi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Camorra in Toscana, confiscati beni a imprenditore napoletano

Bruno Zuccarelli, il presidente dell’Ordine dei Medici di Napoli ha detto che il rischio di una nuova ondata in autunno è concreto a causa della variante Delta, considerando anche l’adesione alla campagna vaccinale che di fatto è ora al palo. Nella città di Napoli è calcolato che il 38% della popolazione che rientra nella fascia d’età vaccinale non si è iscritto sulla piattaforma per prenotare il vaccino.