Camorra, in vacanza col Reddito di Cittadinanza: sequestrati 270mila euro

Colpo della Guardia di Finanza contro la Camorra. I baschi verde hanno sequestrato 270mila euro al clan Contini: usavano il RdC per le vacanze.

Camorra
L’operazione delle Fiamme Gialle a Napoli (via Twitter)

Operazione al mattino della Guardia di Finanza, che a Napoli ha sequestrato ben 270mila euro erogati come Reddito di Cittadinanza. I soldi finivano in mano alla Camorra, precisamente al clan Contini. Il sussidio statale veniva ricevuto da mogli, fratelli e figli degli affiliati al clan, compresi i familiari del capoclan. Inoltre con il denaro percepito, la famiglia in questione riusciva a comprare beni di lusso e andare in vacanza in famose località turistiche italiane ed estere.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Camorra in Toscana, confiscati beni a imprenditore napoletano

A scoprire il tutto ci ha pensato il corpo della Guardia di Finanza di Napoli. Mentre a coordinare le indagini ci ha pensato la Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli che ha fatto partire quattro perquisizioni nei Caf di Napoli e provincia. A condurre le indagini ci ha pensato il Gico del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria. Nel mirino delle forze dell’ordine, adesso, ci sarebbero ben 25 nuclei familiari. Andiamo quindi a vedere i dettagli dell’operazione svolta nel capoluogo campano.

Camorra, Guardia di Finanza confisca 270mila euro al clan Contini: i dettagli

Napoli Sequestro
L’operazione dei finanzieri ai danni della famiglia camorristica (via Foto Facebook Fiamme Gialle)

Sono diverse le persone indagate dopo l’operazione dei baschi verdi. Infatti sono finiti nel mirino degli inquirenti i parenti di Ettore Bosti e Salvatore Botta, ossia i due capoclan dei Contini. Mentre fanno parte dell’indagine anche Vincenzo Tolomelli e Antonio Pengue. Il primo è un affiliato di spicco, mentre invece Pengue e uno degli affiliati che nel 2014 avvertì il clan di un imminente blitz delle forze dell’ordine. Il tutto avvenne grazie ad una sua parente dipendente del Tribunale di Napoli.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Marechiaro, sequestrato un lido abusivo: fermato un 70enne

Durante l’operazione, la Guardia di Finanza ha sequestrato somme per circa 270mila euro. La famiglia camorristica, infatti, ha ricevuto questa cifra tra l’aprile 2019 e il novembre 2020. Sono diverse le zone di Napoli in cui i finanzieri hanno eseguito le perquisizioni: Avvocata, Borgo Sant’Antonio Abate, Poggioreale, San Carlo all’Arena, San Lorenzo, Scampia, Stella e Vicaria. Inoltre operazioni correlate sono state svolte anche nei comuni di Quarto, Sant’Antonio Abate, Cicerale e perfino Reggio Emilia.