Chiara Ferragni, scontro con Renzi: “Fate schifo”. Fedez non ci sta

Chiara Ferragni attacca duramente Matteo Renzi. Il politico toscano viene criticato anche da Fedez, marito della nota influencer.

Chiara Ferragni
Chiara Ferragni ha rivolto un duro attacco a Matteo Renzi (via web)

Chiara Ferragni non ci sta. La nota influencer usa il suo profilo Instagram per lanciare una dura critica a Matteo Renzi. Secondo la donna sarebbe lui il responsabile per i ritardi all’approvazione del Ddl Zan. In una storia sul suo profilo se la prende anche con Matteo Salvini, utilizzando una breve e inequivocabile didascalia: “Che schifo i politici“.

Leggi anche-> Papa Francesco, esami positivi: come sta dopo l’operazione

Immediata la risposta del capo di Italia Viva. Il quale ha ribadito il suo impegno ad un confronto sui temi in qualunque sede e con qualunque mezzo. Il senatore ha sottolineato anche gli impegni presi durante il suo esecutivo, che gli sono valsi molte critiche anche all’interno della propria maggioranza.

Chiara Ferragni, la risposta di Fedez a Renzi

Chiara Ferragni
Anche Fedez ha replicato al politico fiorentino (Getty Images)

Nel suo post su Facebook scrive: “Mi aspettavo di più che qualche frase banale e qualunquista. Ho firmato la legge sulle unioni civili, ponendovi la fiducia. Per questa legge ho fatto compromessi, ho preso insulti e rischiato la vita del Governo. Se Chiara vuole confrontarsi sugli articoli del Ddl Zan o su quelli del Senato, è la benvenuta. La politica però è una cosa seria e si misura sulla capacità di cambiare le cose, non di prendere i like“.

Leggi anche-> Amadeus racconta: “Mi hanno ricoverato, momento molto difficile”

Intanto anche Fedez è intervenuto sulla questione. Il rapper si affida a Twitter per replicare al politico toscano: “Matteo stai sereno, oggi c’è la partita“. Un chiaro riferimento a quanto lo stesso Renzi disse ad Enrico Letta nel periodo in cui si paventava un cambio di governo. Insomma il dietrofront di Italia Viva è destinato ancora a far discutere. In molti criticano la richiesta di emendare il disegno di legge, ritenuto troppo generico e contraddittorio in alcune sue parti. Nei prossimi giorni si saprà se il disegno verrà affossato oppure no.