Scafati, cannabis al posto dei pomodori: interviene la Guardia di Finanza

Operazione della Guardia di Finanza tra Scafati e Sant’Antonio Abate. Le Fiamme Gialle hanno trovato piante di cannabis al posto dei pomodori.

Scafati
I finanzieri sul luogo incriminato (via Guardia di Finanza)

Nuova operazione della Guardia di Finanza. Infatti il Comando di Torre Annunziata è intervenuto nelle campagne tra Sant’Antonio Abate e Scafati scoprendo una piantagione di cannabis al posto dei pomodori. I Baschi Verdi sono intervenuti durante una lunga attività di appostamento e osservazione, individuando 400 piante dell’altezza tra i 2-2,5 metri.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Vomero, movida a via Aniello Falcone: lamentele per la musica alta

Ad avviare l’operazione ci ha pensato la Procura della Repubblica di Nocera Inferiore. Inoltre a seguito delle indagini è stato individuato responsabile della coltura di cannabis al posto dei pomodori. L’uomo, infatti, è responsabile di una ditta individuale che opera nel settore della produzione di spezie e piante aromatiche per uso farmaceutico. La pianta in questione, stando al proprietario, era una canapa sativa seminata nei primi mesi di giugno.

Scafati, la Guardia di Finanza scopre una piantagione di cannabis: coltivata al posto dei pomodori

Salerno
Operazione della guardia di finanza (via Pixabay)

Dinanzi alla guardia di Finanza, l’uomo proprietario della terra ha anche esibito una fattura di acquisto di semi di canapa sativa. Ad insospettire i baschi verdi, però, ci ha pensato la crescita anomala della pianta e le modalità con cui venivano coltivate ed occultate alcune parti della pianta. Infatti le analisi dei finanzieri hanno fatto emergere una quantità di THC superiore alla media consentita.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Cava de’ Tirreni, arrestato usuraio: costrinse commerciante al suicidio

Quindi dopo gli accertamenti i finanzieri hanno deciso di denunciare un uomo di 46 anni di Lettere, accusato di coltivazione di sostanze stupefacenti. La coltivazione, infatti avrebbe prodotto 40 kg di marijuana, fruttando ben 60mila euro di profitti illeciti. Questa è solo l’ultima delle tante operazioni delle forze dell’ordine che stanno cercando di limitare il traffico e la produzione degli stupefacenti. Inoltre l’operazione è avvenuta con una grande collaborazione tra la Procura della Repubblica, il Comando Provinciale e il Reparto Operativo Aeronavale della Guardia di Finanza di Napoli.