Avellino, anziana cade dalla barella e muore: aperta indagine

Avellino, una signora di 89 anni è deceduta dopo la caduta avvenuta mentre due volontari stavano scendendo le scale per portarla in ospedale

Avellino
Ambulanza Misericordia (foto Facebook)

Tragedia a Voltarura Irpina, in provincia di Avellino. Una donna di 89 anni è caduta dalla barella a cucchiaio sulla quale la stavano trasportando due volontari di 23 anni della Misericordia, ora nei guai. Come riferisce Il Mattino carico dei due è infatti stata aperta un’indagine per omicidio colposo in cooperazione.

I due erano andati a prelevare l’anziana dalla propria abitazione per trasportarla in ospedale ma durante la discesa delle scale la donna è caduta, battendo la testa sulla barra di ferro della barella. A provocare la morte sarebbe stato il forte trauma cranico.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Napoli, iniziativa a Porta Capuana per convincere gli incerti a vaccinarsi

Avellino, anziana muore cadendo: indaga la Procura

Getty Images

Ora spetterà alle indagini avviata dalla Procura della Repubblica di Avellino chiarire la dinamica precisa dei fatti e se la caduta, come sembra, sia stata determinante per la morte della donna. I due volontari erano intervenuti per trasportarla presso la struttura sanitaria Villa Clementina.

Non è la prima volta purtroppo che la cronaca racconta di episodi simili. Le caduta dalle barelle, in particolar modo per gli anziani, si sono dimostrate fatali. Un episodio simile avvenne qualche settimana fa ad Agrigento dove una donna di 81 anni era su una barella in attesa di essere visitata al pronto soccorso.

In seguito alla caduta morì dopo qualche giorno e sono finiti sono indagine della Procura della Repubblica di Agrigento 43 persone tra medici e infermieri dell’ospedale San Giovanni di Dio e della clinica Sant’Anna.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Benevento, rapina in gioielleria con spari: malviventi in fuga

Sul corpo della donna fu disposta l’autopsia che aveva rivelato la rottura del femore e di una costola. Per quest’ultima fu anche operata presso l’ospedale San Giovanni di Dio e successivamente fu trasferita nella clinica Sant’Anna ma le sue condizioni non migliorarono, fino alla morte.