Marano, scoperti 8 chilogrammi di marijuana in una cantina: un arresto

Operazione dei carabinieri a Marano di Napoli, dove sono stati rinvenuti 8 chilogrammi di marijuana in una cantina: arrestato un 36enne. 

Marano
Le buste di Marijuana scoperta nella cantina della provincia napoletana (via Carabinieri Napoli)

Nuova operazione dei Carabinieri di Napoli che hanno fatto irruzione in una cantina a Marano. Al suo interno i militari sono riusciti a trovare ben 8 chili di marijuana già essiccata. Inoltre secondo le indagini lo stupefacente in questione era pronto per essere venduto. Le Fiamme Argento sono riuscite a sequestrare l’enorme quantità di droga in seguito ad una perquisizione nella casa di F.S., 36enne già noto alle forze dell’ordine.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Frattamaggiore, nuovo colpo della banda del buco: svaligiata gioielleria

Sono ben 24 le buste prese dai carabinieri e portate in caserma. Adesso all’uomo di 36 anni sono stati imposti gli arresti domiciliari. Con lo stupefacente era presente anche un ‘kitper il confezionamento delle dosi. Inoltre la marijuana venduta avrebbe fruttato all’uomo ben 60mila euro. Adesso il 36enne è in attesa di giudizio. Questa è la seconda operazione in due giorni contro la detenzione di marijuana. Andiamo a vedere quella di ieri avvenuta nel salernitano.

Marijuana, sequestro non solo a Marano: a Salerno scoperte 470 piante di cannabis

Salerno
Operazione della guardia di finanza (via Pixabay)

Nella giornata di ieri, a Salerno, la Guardia di finanza ha scoperto ben 220 piante di marijuana coltivate in un’azienda agricola di Serre. Durante l’operazione le forze dell’ordine hanno preso in arresto tre persone. Nell’azienda cresceva l’autofiorente nana, una pianta caratterizzata da una crescita veloce e dalle dimensioni ridotte. Ad attirare l’attenzione dei finanzieri ci ha pensato un auto che ha parcheggiato improvvisamente a bordo della strada provinciale 317.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Pompei, uomo spara contro l’ex moglie: scene di paura davanti agli Scavi

Pedinando l’uomo, le Fiamme gialle hanno scoperto altre 250 piante di marijuana coltivate vicino al Sele e che raggiungevano l’altezza di quattro metri. Tra gli arbusti, l’uomo aveva costruito un complesso sistema di irrigazione. I tre uomini avevano anche tentato la fuga, senza riuscirci. Davanti al giudice, i tre arrestati dovranno rispondere all’accusa di coltivazione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.