Rai, dipendenti in sciopero: intera programmazione estiva a rischio

Clamoroso in Rai, i prossimi mesi si prospettano difficili: i telespettatori attendono notizie per continuare a seguire i programmi preferiti

Rai
Getty Images

L’estate si è presentata con tutta la sua forza e carica di alte temperature in tutto il paese ma negli studi Rai potrebbe essere ancora più calda e afosa. I dipendenti hanno annunciato uno sciopero lungo, dal 28 giugno al 28 luglio. Vista la massiccia adesione per la prima volta sono a rischio i programmi estivi.

La programmazione che ci accompagnerà fino all’autunno prenderà il via ufficialmente dalla settimana prossima quando chiuderanno anche gli ultimi programmi che ancora sono in onda come La vita in diretta di Alberto Matano e Oggi è un altro giorno di Serena Bortone.

A comunicare lo sciopero è la stessa azienda che ha specificato come nel periodo che riguarda l’astensione dal lavoro “la normale programmazione televisiva potrebbe subire delle modifiche“. Ad indirlo sono stati i sindacati Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Nazionale Uil, Ugl Comunicazioni Fnc, Snater e Libersind Confsal.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Michelle Hunziker al servizio degli italiani: che sorpresa per i fan!

Rai, dipendenti in sciopero: i motivi

Rai
Il logo della Radiotelevisione italiana (via social)

Le istanze dei sindacati non sono poche e l’accumulo hanno portato a questa situazione. Si va dalla richiesta del rinnovo del contratto collettivo a un accordo che tuteli il lavoro in smart working, lo sblocco di tante vertenze individuali ma anche all’incremento del personale così da far diminuire il ricorso agli appalti esterni.

Senza gli appalti è previsto anche una diminuzione di costi di cui possono beneficiare anche le sedi regionali per le quali si chiede un rilancio anche da un punto di viste delle produzioni Tv e radio e degli investimenti tecnologici.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Partite Iva, rivoluzione per le tasse: cosa cambierà

Questo sciopero arriva non a caso quando devono essere rinnovati i vertici dell’azienda di Stato. Lasceranno l’incarico l’Amministratore Delegato Fabrizio Salini e il presidente Marcello Foa. Circolano anche dei nomi in loro sostituzione, si tratta dell’ex direttrice di Rai Fiction Eleonora Andreatta che ha contribuito molto al rilancio del settore (oggi lavora con Netflix), l’AD di Rai Cinema Paolo Del Brocco e il direttore di Radio Rai Roberto Sergio.