Napoli, altro furto alla Stazione Centrale: due arresti

Nuovo furto alla Stazione Centrale di Napoli. Il corpo di Polizia ha compiuto due arresti durante l’operazione denominata ‘Rail Safe Day’. 

Stazione Centrale
Nuova operazione alla stazione di Piazza Garibaldi (via WebSource)

Non si ferma l’azione della Polizia di Stato alla Stazione Centrale di Napoli. Infatti le forze dell’ordine hanno fatto partire l’operazione ‘Rail Safe Day‘. Dall’inizio dell’anno sono ben cinque gli interventi dei poliziotti, che nella giornata di ieri hanno preso in arresto due persone. Inoltre dall’inizio dell’anno sono ben quattro le denunce riguardanti l’operazione, su oltre 957 persone controllate. Sempre nell’ambito della stessa operazione sono 40 i servizi di vigilanza e stazioni presenziate, 7 i servizi a bordo treno, per un totale di 11 convogli controllati.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Vaccini Napoli, open day dal 25 al 27 giugno senza prenotazione

Inoltre la polizia ha impiegato oltre 90 uomini e donne della Polizia Ferroviaria del Compartimento Polfer di Napoli. Inoltre l’operazione è stata estesa a livello Nazionale, nelle stazioni più affollate nella principali città italiane. L’obiettivo è contrastare anche comportamenti anomali come l’attraversamento dei binari, la salita o discesa dai convogli in movimento o attraversamenti dei passaggi a livello chiusi o in movimento. Infatti questi comportamenti sono soliti causare degli incidenti ferroviari.

Napoli, nuova operazione alla Stazione Centrale: arrestati due cittadini georgiani

Stazione Centrale
Volante della Polizia sul lungomare (Foto: Polizia di Stato)

Durante la giornata odierna gli agenti di polizia hanno preso in arresto due uomini. Stando alle prime indiscrezioni i due sarebbero di nazionalità georgiana ed avrebbero 30 e 29 anni. I due finiti in manette sono accusati di furto aggravato, con i poliziotti che li hanno bloccato subito dopo alcune segnalazioni da parte dei dipendenti di Trenitalia. Dopo i controlli, le forze dell’ordine hanno rinvenuto un orologio munito ancora di antitaccheggio, forbicine e coltellini.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Napoli, in carcere dopo 22 anni. L’avvocato: “Questa è tortura”

I soggetti presi in arresto, inoltre, avevano anche alcuni precedenti penali. Ad incastrarli ci hanno pensato le camere di sicurezza della locale Questura, con i due malviventi che a breve saranno processati in rito per direttissima. Ad aiutare gli operatori della Colfer nell’operazione ci ha pensato la Squadra Cinofili Gruppo Pronto Impiego della Guardia di Finanza ed altre due unità cinofile della questura locale. Inoltre i controlli sono stati svolti con la collaborazione delle personale F.S. Italiane che hanno monitorato con efficienza i flussi di viaggiatori.