Camorra, scavano la fossa ad amante della moglie di un detenuto: 5 arresti

Operazione della Polizia contro cinque esponenti della Camorra. I malviventi avevano scavato la fossa all’amante della moglie di un detenuto.

Camorra
Le immagini catturate dalle forze dell’ordine (via Screenshot)

Cinque esponenti della Camorra avevano preparato la fossa per un uomo sospettato di essere l’amante della moglie di un detenuto. Proprio per questo motivo, i camorristi volevano uccidere l’uomo in questione e con le vanghe già avevano scavato la fossa. Fortunatamente agli agenti della Polizia di Stato sono riusciti ad intervenire prima del delitto.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Movida violenta in Campania: risse e feriti a Benevento e Caserta

Dopo aver filmato il tutto con delle telecamere nascoste, gli agenti hanno preso in arresto ben cinque malviventi con l’accusa di tentato omicidio. Tra di loro era presente anche Antonio Abbinante. Stando alla polizia l’uomo è anche il reggente dell’omonimo clan che opera nell’Area Nord di Napoli. Tra i cinque arrestati, inoltre, quattro di loro devono rispondere anche all’accusa di associazione mafiosa.

Camorra, arrestati cinque esponenti del clan Abbinante: l’operazione

Camorra
Cinque arresti da parte della polizia (via Polizia di Stato)

Gli agenti della polizia hanno messo in manette non solo Antonio Abbinante ma anche Raffaele e Arcangelo Abbinante, Antonio Esposito e Salvatore Morriale. Tutti sono legati al clan Abbinante ed inoltre sono chiamati a rispondere all’accusa di associazione a stampo mafioso e tentato omicidio aggravato. Successivamente i poliziotti hannoe seguito l’ordinanza di custodia cautelare anche per Paolo Ciprio. I cinque criminali avevano scavato la fossa in una zona isolata nelle campagne tra Marano e Arzano, in provincia di Napoli.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Napoli, c’è la perizia sul medico morto a Milano: “Fu un omicidio”

Proprio in quella zona, così, i camorristi avrebbero provato ad occultare il cadavere dell’uomo. Le indagini della polizia hanno così anticipato i piani del boss, pronto ad uccidere l’affiliato. L’uomo in questione, inoltre, avrebbe negato al reggente del clan di aver intrapreso la relazione con la donna. Con un video gli inquirenti sono riusciti anche ad individuare il momento in cui è stata scavata la fossa, arrestando quindi i criminali.