Napoli, c’è la perizia sul medico morto a Milano: “Fu un omicidio”

Spunta la perizia definitiva sul medico di Napoli morto a Milano. Infatti Stefano Ansaldi (65 anni) non si tolse la vita ma fu ucciso. 

Medico morto milano
Il ginecologo campano Stefano Ansaldi (via Screenshot)

La famiaglia di Stefano Ansaldi, medico morto a Milano, è pronta ad usare la perizia definitiva. Infatti le indagini hanno stabilito che il ginecologo non si tolse la vita, ma fu ucciso. Con tale perizia, così, la famiglia Ansaldi è pronta ad usarla per richiesta d’archiviazione del caso come suicidio. A depositarla ci hanno pensato gli avvocati Francesco Cangiano e Luogo Sena, giunti sul luogo del decesso nel capoluogo lombardo.

POTREBBE INTERESSARTI >>>  Obbligo mascherine, oggi la decisione: quando potrebbe essere eliminato

Anche per il medico legale, Fernando Panarese, è da escludere totalmente l’ipotesi di suicidio. Stando a quanto riportato dalla perizia, il medico sarebbe stato preso di sorpresa alle spalle. L’aggressore, armato di coltello, avrebbe poi tagliato la gola al ginecologo. Inoltre il criminale avrebbe usato la mano destra per colpire Ansaldi al pomo d’Adamo, arrivando fino a sotto alla parte destra della mandibola.

Novità sul medico morto a Milano: la perizia esclude il suicidio

Napoli controlli Covid
Continuano le indagini sul decesso (Screen video carabinieri)

La famiglia di Ansaldi, con l’ausilio della perizia, può attestare che il medico difficilmente sarebbe riuscito a provocarsi da solo un taglio del genere. Inoltre un’altra pista da perseguire è quella della rapina andata a male. Infatti le forze dell’ordine ritrovarono un Rolex di fianco al corpo senza vita. Stranamente il cinturino del prezioso orologio era ancora agganciato.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Movida violenta in Campania: risse e feriti a Benevento e Caserta

Il medico legale ha anche evidenziato il taglio sul guanto di lattice usato dal medico per proteggersi dal Covid-19. Inoltre l’omicidio risale allo scorso 19 dicembre in un sottopassaggio. La Procura di Milano ha cercato di archiviare il caso come suicidio, ma adesso la perizia potrebbe riaprire le indagini. Sarà quindi fondamentale capire il movente. Inoltre anche la Procura di Napoli sta indagando sull’omicidio, ricostruendo la rete di contatti del ginecologo.