Ponticelli, colpo al contrabbando: sequestrati 7460 pacchetti di sigarette

Nuova operazione della polizia a Ponticelli per fermare il contrabbando. Gli agenti hanno preso in sequestro ben 7460 pacchetti di sigarette. 

Ponticelli
La polizia con le sigarette di contrabbando sequestrate (via Polizia di Stato)

Nuova operazione contro il fenomeno del contrabbando a Ponticelli. Ad operare nella periferia est di Napoli ci ha pensato la polizia del Nucleo Operativo di San Giovanni-Barra. Infatti il commissariato operava per il controllo del territorio con il supporto di personale dei Vigili del Fuoco. Le forze dell’ordine, infatti, hanno controllato un box in lamiera presente in via Mario Palermo.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Novara, il camionista al telefono: “È successo un casino”

Una volta all’interno del box, i poliziotti hanno ritrovato la bellezza di 7460 pacchetti di tabacchi lavorati esteri, che sono riusciti a sfuggire al marchio del monopolio di Stato. Tutti i pacchetti sequestrati avevano un peso complessivo di 150 kg. Andiamo quindi a vedere nel dettaglio l’operazione del commissariato San Giovanni Barra.

Ponticelli, ancora fenomeno contrabbando: il sequestro della Polizia

Ponticelli
L’operazione della polizia nella periferia ovest di Napoli (Getty Images)

Nonostante il fenomeno sia ampiamente diminuito dagli anni ’80 ad oggi, il contrabbando resta comunque un problema sia per il comune di Napoli, sia per lo Stato Italiano. In questi mesi la polizia ha operato in diversi quartieri del napoletano, specialmente in periferia. Prima di Ponticelli, l’ultima operazione aveva riguardato il quartiere di Pianura, con diversi pacchetti sequestrati.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Afragola, sequestrati una pistola e 103 proiettili nascosti tra le aiuole

Nella giornata di ieri, alla periferia Est di Napoli, le forze dell’ordine hanno preso in sequestro ben 7460 pacchetti di ‘Bionde’. Intanto i poliziotti del Commissariato di San Giovanni Barra stanno indagando ancora sul caso. Infatti l’obiettivo è scoprire chi era in possesso del box in lamiere, per risalire al responsabile della vendita. Poi i poliziotti cercheranno anche di accertarsi sulle le licenze edilizie per realizzarlo. Vedremo quindi se le forze dell’ordine riusciranno a risalire al responsabile ed al possessore del box di sigarette.