Vomero, rissa violenta tra ragazzini: sabato sera da incubo

Altro sabato sera violento al Vomero, dove è esplosa improvvisamente una rissa tra ragazzini: la denuncia del consigliere Emilio Borrelli.

Vomero
Le scene della rissa nel quartiere (via Screenshot)

Serata di paura al Vomero, dove improvvisamente è esplosa una rissa tra ragazzini. Stando alle prime notizie, sarebbero più di venti i ragazzi che hanno creato colluttazioni. Inoltre gran parte delle persone coinvolte nello scontro sono minorenni. Diverse le scene che hanno spaventato i passanti, con i ragazzi che si sono colpiti con calci, pugni e schiaffi. Si sarebbero scontrati due bande rivali.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Capodichino, la Polizia Stradale soccorre un ragazzo in autostrada

Oramai sembrano quasi di routine scene del genere. Infatti da diverse settimane si verificano casi di rissa nel quartiere partenopeo. Fortunatamente, l’intervento delle forze dell’ordine è riuscito a disperdere l’orda di ragazzini. A denunciare quanto avvenuto ci ha pensato anche il consigliere dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli.

Vomero, nuova rissa al sabato sera: la denuncia di Borrelli

Vomero
I poliziotti in posto di blocco nel quartiere della rissa (Foto Questura di Napoli)

Lo scontro tra i ragazzi si è verificato in via Bernini, oltre l’orario del coprifuoco. Le immagini della rissa hanno fatto il giro del web e sono state ricondivise anche dal consigliere dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli. Una violenza definita ‘inaudita’, fra calci e pugni, con diversi ragazzi per terra. Un fenomeno preoccupante, con un escalation di violenza che si stanno verificando nelle ultime settimane.

POTREBBE INTERESSARTI >>> Sorrento, truffa ad un’anziana di 91 anni: arrestata coppia napoletana

Dopo la segnalazione di alcuni cittadini, Francesco Emilio Borrelli e Rino Nasti hanno denunciato il tutto scrivendo: “Il susseguirsi di aperture di locali e la contrapposta chiusura di presidi di cultura, sta determinando una radicale trasformazione dell’utenza che affolla il Vomero nel weekend“. I due poi hanno concluso: “Il mancato sostegno a poli culturali, che vanno via via morendo, denota una non risposta dello Stato al territorio. Purtroppo la Municipalità non promuove né tavoli con le forze dell’ordine né la cultura“.