Morgan è nei guai: “Sto per morire, mi sono disintegrato”

Morgan sul social accenna al problema serio che sta affrontando e si sfoga con i followers: cos’è successo al cantante

Morgan
Morgan (foto Instagram)

Morgan non se la passa affatto bene. È un lungo periodo negativo che non trova soluzione e i guai si susseguono di continuo. Marco Castoldi – questo il nome all’anagrafe – sui social ha avuto uno sfogo e racconta cosa sta succedendo e dei seri problemi che deve affrontare. Azioni e pensieri sono già dedicati a dei casi giudiziari e ora se ne aggiunge uno nuovo.

Oltre allo sfratto dalla casa di Monza il cantautore è impegnato nello scontro legale con Bugo dopo il noto episodio accaduto in diretta durante il l’edizione del 2020 del Festival di Sanremo: in ballo c’è un risarcimento di 240mila euro.

A tutto ciò si aggiungono delle accuse di stalker e molestia da parte di una sua ex musicista, una donna di 32 anni. Della questione si sta occupando la Procura della Repubblica di Monza ed è stato anche disposto il rinvio a giudizio. Morgan sarà quindi processato.

POTREBBE INTERESSARRTI ANCHE >>> Rocco Schiavone 5, cosa sappiamo della nuova stagione: i dettagli

Morgan accusato di stalking: i fatti

Getty Images

Secondo le accuse e i racconti della musicista, i fatti sarebbero avvenuti proprio dopo il Festival del 2020 e da aprile a dicembre. Messaggi, chiamate continue, provando a prendere contatti con la donna. Questo è quanto avvenuto secondo la denuncia ma le parti ovviamente non convergono e Castoldi e insieme ai legali parla di un rapporto sentimentale che sarebbe avvenuto in passato.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Campania, De Luca blocca AstraZeneca per under 60: la decisione

La denuncia contiene accuse pesanti e ancora tutte da provare. Ci sarebbero stati anche insulti pesanti da parte del 48enne avvenuti virtualmente in una chat di gruppo e anche minacce di pubblicazione di un video personale della donna. “Vuole la mia morte reale (…) io sono disintegrato” ha scritto sui social dove ha criticato l’atteggiamento di chi lo ha bloccato virtualmente come se non esistesse più. Biasima poi l’iniziativa legale nei confronti di una persona considerata quindi inesistente. Nessuno nome o richiamo alla vicenda ma il riferimento è eloquente.