Can Yaman affranto, l’attore è davvero a pezzi: il motivo

Can Yaman, il famosissimo attore turco, re indiscusso della Mediaset, è davvero a pezzi: scopriamo cosa gli è successo.

Can Yaman
L’attore turco Can Yaman (via social)

Ieri si è giocata la prima partita degli Europei 2020, Italia contro Turchia, allo stadio Olimpico di Roma. Primo atto di questi Europei rinviati di un anno a causa della pandemia di Covid-19. La prima partita cui ha potuto assistere anche il pubblico, composto sia da turchi che da italiani, con una capienza dell’impianto pari al 25%. Tra coloro che hanno assistito alla partita c’erano anche molti vip, come Pio e Amedeo e il cantante Rovazzi.

LEGGI ANCHE >>>  Paolo Bonolis asfalta Pierluigi Pardo: “Sei uno scandalo” – VIDEO

La partita si è conclusa con la vittoria della squadra italiana, con un 3-0. Un tris di goal di Demiral (53′), Immobile (66′) e Insigne (79′). La prossima partita degli Azzurri si giocherà mercoledì 16 giugno contro la Svizzera. La competizione, per la prima volta, è itinerante: si giocherà infatti in 11 diverse città europee, fino alla finale dell’11 luglio a Wembley

Can Yaman, cosa è successo all’attore

Can Yaman
L’attore Can Yaman allo stadio Olimpico di Roma (via social)

Can Yaman, l’attore turco ormai famosissimo in Italia, era allo stadio di Roma e ha assistito alla partita. L’uomo era ovviamente accompagnato dalla bellissima compagna, Diletta Leotta. La donna ha infatti pubblicato diverse storie su Instagram: video che la ritraevano insieme al suo fidanzato, che, soprattutto verso fine partita, si è mostrato piuttosto affranto.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Can Yaman grande tifoso: qual è la sua squadra del cuore

La partita, concludendosi con una 3 a 0 schiacciante, è stata sfavorevole per la squadra della patria del bell’attore. La Turchia, infatti, non è riuscita a portare a casa nemmeno un goal, regalando la vittoria alla squadra azzurra. In uno dei video che ha pubblicato la Leotta, vediamo Can con una mascherina messa sugli occhi, chiaro segno dell’amarezza dell’attore per la sconfitta della sua squadra.